Quanto è efficace il vaccino Pfizer contro la variante Delta

Quanto è efficace il vaccino Pfizer contro la variante Delta
Altri dettagli:
Today.it SALUTE

Il calo di efficacia è stato invece riscontrato nei confronti della malattia sintomatica e rispetto alla capacità del vaccino di prevenire l'infezione.

La protezione del vaccino Pfizer nei confronti della variante Delta sarebbe del 54% a 14 giorni dalla prima dose e dell'87 dopo la seconda

Le parole del primo ministro israeliano Naftali Bennett sono state rilanciate da molti No Vax, ma ci sono motivi per essere ottimisti. (Today.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Vorrei segnalare un problema che sta coinvolgendo migliaia di italiani al momento del rilascio del tanto agognato Green Pass UE. In particolare tutti i soggetti guariti da COVID-19 che hanno fatto una sola dose di vaccino Pfizer o Moderna prima dei 3 mesi dall'infezione o dopo i 6 mesi dall'infezione. (La Stampa)

La paralisi di Bell è una forma di paralisi facciale risultante da una disfunzione del VII nervo cranico (nervo facciale), che provoca l’incapacità di controllare i muscoli del viso dal lato colpito. (L'Occhio)

Nel caso di minori estremamente vulnerabili e che non possono essere vaccinati «vanno vaccinati i relativi genitori, tutor o affidatari». In gran parte, le tipologie di malattie prese in considerazione sono le stesse assunte per le persone estremamente vulnerabili, «ma il livello di gravità considerato è inferiore» (Gazzetta del Sud)

Come funzionano i vaccini Pfizer e Moderna, spiegato facile

La causa in genere può essere un'infezione virale o un disturbo immunitario che gonfia il nervo facciale. Episodi di paralisi di Bell in passato sono stati associati anche ad alcuni altri vaccini tra cui alcuni per l'influenza e per il meningococco (IL GIORNO)

Cos’è la paralisi di Bell che può manifestarsi dopo il vaccino anti Covid di Pfizer. La paralisi di Bell è definita come una paresi unilaterale causata dall’infiammazione del nervo facciale, a sua volta scatenata da un virus o dalla risposta immunitaria al patogeno. (QuiFinanza)

Se invece ci si è già ammalati, il sistema immunitario avrà mantenuto memoria del virus, e sarà in grado di reagire subito. Il virus può quindi entrare dal naso, ma una persona vaccinata sarà in grado immediatamente di reagire fermando l’infezione sul nascere (Triesteprima.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr