Riforma del Catasto: cosa cambia con il piano di Draghi e chi può pagare di più

Open INTERNO

La riforma del Catasto potrebbe essere il momento giusto per riprendere in mano il dossier.

Nell’ultima ipotesi di riforma gli immobili in condominio erano ovviamente diversi dalle ville, ma scompariva la differenza tra categoria di lusso ed economica

È arrivato davvero il momento della riforma del Catasto?

Un riordino complessivo che comprenda la rideterminazione delle destinazioni d’uso degli immobili è il primo obiettivo della riforma. (Open)

Se ne è parlato anche su altri media

Per stabilire il valore si userebbero funzioni statistiche, ma anche localizzazione e caratteristiche edilizie del bene. POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Bonus 500 euro, avrete tempo sino ad Ottobre per iscrivervi. (Ck12 Giornale)

L'eccessiva pressione fiscale che grava sulle famiglie, sulle imprese e sui lavoratori è da sempre un problema di questo Paese. Ma come deve strutturarsi la nascitura riforma fiscale è tutt'altro che un argomento pacifico. (ilGiornale.it)

Nell’ultima ipotesi di riforma gli immobili in condominio erano ovviamente diversi dalle ville, ma scompariva la differenza tra categoria di lusso ed economica A fare la differenza potrebbe invece essere la fattura e tipologia edilizia, l’affaccio, l’«intorno», i servizi. (Giornale di Sicilia)

Tra le ipotesi contenute nella nuova riforma fiscale c'è anche quella che riguarda la revisione del Catasto. ll Catasto dei Fabbricati, istituito con decreto-legge del 30 dicembre 1993, è l’evoluzione del Catasto Edilizio Urbano: si occupa di tutte le costruzioni, sia urbane che rurali. (IL GIORNO)

Nel mondo ideale bisognerebbe riuscire ad aggiornare i data base catastali calcolando le ultime dichiarazioni dei redditi Riforma sul catasto: chi andrebbe a colpire. L’obbiettivo della riforma sul catasto sarebbe di arrivare ad un’imposizione più equa, continuando la battaglia contro l’evasione fiscale che il Governo Draghi sta portando avanti e migliorando. (Fiscomania.com)

Che potrebbe essere modificato dal parlamento. A fare la differenza potrebbe invece essere la fattura e tipologia edilizia, l’affaccio, l’ ''intorno», i servizi. (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr