No green pass, dire che a Roma erano tutti fascisti è il più grande regalo che possiamo fare ai fascisti

No green pass, dire che a Roma erano tutti fascisti è il più grande regalo che possiamo fare ai fascisti
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Di volta in volta mobilitati da una questione che faccia da attivatore e condensatore di tante esperienze, rabbie, sentimenti, esigenze diverse.

E se continueremo ad affrontarlo chiamandoli tutti fascisti, beh allora fascisti lo diventeranno tutti

Dei tanti giornalisti ieri nelle piazze, nessuno si è peritato di fare qualche intervista, chiedere opinioni, sentire motivazioni.

Questa domanda ce la dobbiamo porre, perché dire che erano tutti fascisti è il più grande regalo che possiamo fare ai fascisti, è proprio ciò che Fiore vuole, il motivo per cui si infiltra in questi e altri movimenti. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altri giornali

In molti sono stati portati in ufficio, fra loro anche il leader romano di Fn Giuliano Castellino, già sorvegliato speciale. Il bilancio e le indagini. Prima di mezzanotte il bilancio era di quattro arrestati, alcuni poliziotti feriti e altri contusi, compreso qualche manifestante. (Corriere della Sera)

Salernonotizie.it è il primo portale online completamente gratuito di Salerno e provincia. Ogni giorno notizie, curiosità, cronaca, sport e rubriche su Salerno, Napoli, Benevento, Avellino e Caserta. Milioni di news dalla Campania per tenerti sempre aggiornato in modo chiaro e veloce, un occhio vigile sui fatti della tua città (Salernonotizie.it)

I nomi sui muri, nell'ordine, sono quelli di Giuliano Castellino, Fabio Corradetti Castellino, Luigi Aronica, Roberto Fiore e Pamela Testa. Nella notte qualcuno, armato di bomboletta spray nera, ha imbrattato i muri nei pressi del Tribunale di Roma con i nomi di alcune delle persone arrestate per gli scontri avvenuti sabato nel cuore della Capitale, alla manifestazione No Green pass. (leggo.it)

“Antifascista e plurivaccinato, vi spiego perché scendo in piazza contro il Green Pass”: la testimonianza di un calabrese a Roma

In molti concordano sul fatto che l’allargamento dell’utilizzo del green pass sia stato utilizzato dal governo come surrogato dell’obbligo vaccinale, non potendo (volendo?) Il green pass può aiutare a gestire una fase di transizione, non dà però garanzie sull'abbattimento della trasmissione e non può essere il lasciapassare per il ritorno alla normalità (Fanpage.it)

Gli unici veri fascisti sono loro, e la piazza no Green Pass è la piazza antifascista per eccellenza Ero a Roma – la città in cui adesso vivo – sabato per protestare contro il Green Pass, e le assicuro che sono tanto antifascista quanto plurivaccinato. (StrettoWeb)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr