Luana D'Orazio morta a Prato: tragico incidente in una fabbrica tessile

Luana D'Orazio morta a Prato: tragico incidente in una fabbrica tessile
Approfondimenti:
ilmessaggero.it INTERNO

Si chiamava Luana D'Orazio, giovane operaia e anche giovane mamma, di un bambino di 5 anni.

Lo ricordano anche i sindacati Cgil, Cisl e Uil di Prato, che stanno organizzando una «forte azione di mobilitazione» per venerdì.

Lavorava da circa un anno in un'azienda tessile in provincia di Prato, a Oste di Montemurlo.

Tra Prato e Pistoia è il secondo infortunio mortale in un'azienda tessile quest'anno: il 2 febbraio Sabri Jaballah, 23 anni, aveva perso la vita schiacciato da una pressa a Montale (ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Un'altra vittima innocente che pesa sulla coscienza di chi non fa rispettare le norme sulla sicurezza sul lavoro. Beneforti (Cgil Toscana): “Urge un’assunzione di responsabilità collettiva, la sicurezza è non sia considerata un costo ma un investimento prima di tutto sulla vita”. (FirenzeToday)

La salute e la sicurezza sul lavoro vanno perseguite tramite una cultura della prevenzione che si crea, innanzitutto, con la formazione e l’informazione. La tragedia di stamani è, dall’inizio dell’anno, il secondo incidente mortale sul lavoro nella nostra provincia. (tvprato.it)

(LaPresse) – Grave incidente sul lavoro questa mattina a Busto Arsizio, nel Varesotto, dove un operaio di 49 anni è rimasto schiacciato dal tornio meccanico presso la Ditta Bandera, azienda di estrusione di materie plastiche. (LaPresse)

Varese, morto operaio schiacciato da tornio a Busto Arsizio

Luana D’Orazio, la giovane operaia morta sul lavoro, aveva recitato come comparsa nel film del regista di Leonardo Pieraccioni, Se son rose La giovane operaia vittima dell’infortunio lavorava in via Garigliano da più di un anno. (L'Occhio)

(LaPresse) – Sarebbero due gli indagati dalla procura di Prato con l’ipotesi di omicidio colposo per la morte avvenuta ieri all’Orditura di Montemurlo, in provincia di Prato, di Luana D’Orazio, giovane operaia di 22 anni rimasta fatalmente schiacciata nel macchinario a cui stava lavorando. (LaPresse)

Lo confermano fonti ospedaliere. Milano, 5 mag. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr