Faida tra trapper, Sara Ben Salha lascia il carcere: «Ho sbagliato». Vivrà dalla nonna

Faida tra trapper, Sara Ben Salha lascia il carcere: «Ho sbagliato». Vivrà dalla nonna
Corriere Milano INTERNO

I legali Perillo e Crea sottolineano come sia stata «premiata la scelta di far parlare Sara, collaborando».

E dunque di essere «libera», anche se per un tempo circoscritto, dopo cinque giorni e quattro notti a San Vittore che sono sembrati mesi

di Andrea Galli. La ventenne, unica ragazza tra i 9 arrestati, mercoledì pomeriggio è tornata nel paese di Verderio, in provincia di Lecco.

A breve, andremo a incontrare Sara e stabiliremo l’imminente futuro». (Corriere Milano)

Ne parlano anche altre fonti

Il 20enne accoltellato il 15 giugno scorso a Treviolo (Bergamo) ha riportato una grave ferita alla gamba destra che necessita di un nuovo intervento chirurgico Lo ha deciso il gip di Milano Guido Salvini secondo il quale "non appare allo stato credibile" la descrizione di quanto accaduto lo scorso 9 giugno in via Boifava. (La Sicilia)

La pistola. Nel corso dell'interrogatorio, Simba ha anche spiegato la presenza di una pistola in casa sua, rinvenuta nel corso della perquisizione. Secondo Simba La Rue, tutto è degenerato quando è stato accoltellato a Padova il suo braccio destro, Carter Gapea (ilgazzettino.it)

Una ricostruzione della serata che combacia con le dichiarazioni rese dallo stesso Touché quando è stato sentito dai militari dell'Arma. In via Boifava, dove avevano accompagnato un loro amico, avrebbero incontrato casualmente Baby Touchè insieme a un paio di amici e a quel punto Touchè e Simba si sarebbero picchiati. (La Repubblica)

Faida tra trapper, Simba la Rue: «Mi ha umiliato, toccava a lui. Rischio di perdere una gamba»

Resta in carcere Simba La Rue, al secolo Mohamed Lamine Saida, il rapper di 20 anni arrestato con altri tre giovani nell’ambito dell’inchiesta del pm di Milano Francesca Crupi su una presunta «faida» tra due gruppi rivali di trapper. (L'Eco di Bergamo)

Durante l’interrogatorio, «Simba la Rue» ha mostrato al giudice la ferita sotto il pube con molti punti Fino a quella contro il medesimo «Simba la Rue»: «Non so da chi sono stato ferito vicino a Bergamo, erano tutti bardati, erano circa 7. (Corriere Milano)

Il gip ha anche disposto una consulenza medica per stabilire la compatibilità con il carcere per Simba La Rue, che in seguito all'accoltellamento del 15 giugno a Treviolo, in provincia di Bergamo, è in condizioni gravi al punto che si è reso necessario un intervento neurochirurgico e rischia di avere danni permanenti a una gamba Milano, 4 agosto 2022 - Resta in carcere Simba La Rue, al secolo Mohamed Lamine Saida, il rapper di 20 anni arrestato con altri tre giovani, Pape Ousmane Loum, Ndiaga Faye e Mevljudin Hetem, nell'ambito dell'inchiesta del pm di Milano Francesca Crupi su una presunta faida tra due gruppi rivali di trapper. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr