«Brava Adele che hai fatto togliere lo shuffle da Spotify: ora ci aiuti ad essere pagati il giusto?»

Rolling Stone Italia CULTURA E SPETTACOLO

Qualche tweet: «Ma uno si può ascoltare la musica come vuole?»; «Ora dovrò ascoltare l’album come vuole lei?

Our art tells a story and our stories should be listened to as we intended.

Thank you Spotify for listening 🍷♥️ https://t.co/XWlykhqxAy — Adele (@Adele) November 21, 2021. Com’era prevedibile, la novità ha scatenato reazioni opposte.

?»; «Ah okay quindi quando toglierò pr3mium potrò continuare ad ascoltare gli album come sempre pure dal telefono

Chi vuole ascoltare un disco in ordine casuale può ancora farlo nella pagina “Now Playing”. (Rolling Stone Italia)

Ne parlano anche altri giornali

Infatti, fino a questo momento gli utenti visualizzavano all'interno del grande bottone vede la piccola icona con le due frecce incrociate, che indica la modalità Shuffle. (Smartworld)

Per coloro che usano Spotify free, la riproduzione sarà comunque casuale. Creiamo album con così tanta cura e pensiamo alla nostra tracklist con un motivo ben preciso. (iPhone Italia)

L’utente, se lo vorrà, sarà comunque libero di impostare la riproduzione casuale. Stop alla riproduzione casuale dei brani impostata di default. (Lega Nerd)

La musicista inglese ha richiesto a Spotify di rimuovere la riproduzione casuale negli album. Con il rilascio del suo album, Adele è riuscita a cambiare Spotify. È stato il noto blog Pop Crave a dichiarare per primo, con un annuncio sul suo profilo Twitter, la rimozione da parte di Spotify della riproduzione shuffle negli album, dietro appunto la richiesta di Adele. (DR COMMODORE)

Grazie Spotify per aver ascoltato”, ha scritto Adele su Twitter. Un altro ha scritto: “Ma se io le voglio ascoltare come cazzo mi pare?”. (Il Fatto Quotidiano)

Secondo quanto riporta il The Sun, Adele, tornata alla ribalta, sarebbe andata su tutte le furie quando il giornalista che la stava intervistando avrebbe confessato di non aver ascoltato il suo nuovo album. (Leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr