Bangladesh: scontri tra polizia e manifestanti musulmani a Dacca, 4 morti

LaPresse INTERNO

A seguito dei violenti tafferugli, si sono verificati anche diversi episodi di vandalismo ai danni di alcuni templi indù situati nelle aree del Paese a maggioranza islamica.

La tensione etnica è esplosa mentre la minoranza indù celebrava l’ultimo giorno della sua principale festa religiosa, la Durga Puja.

Negli scontri almeno quattro persone hanno perso la vita

Migliaia di manifestanti musulmani, che ritenevano offensive le foto, si sono scontrati con le forze dell’ordine tra colpi di manganello, spari e gas lacrimogeni. (LaPresse)

Ne parlano anche altri giornali

Adesso tocca al gip che deciderà se convalidare o meno l’arresto anche in base ai video prodotti dalla Procura Ma non siamo andati come militanti di Forza Nuova perché il movimento non opera più da venti mesi“. (StrettoWeb)

Lo dice Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana quando domanda: "Abbiamo l'ex braccio destro di Salvini al Viminale prefetto della Capitale, si dimette? Poi il cordone della polizia si è aperto e dei facinorosi sono sfuggiti al controllo e hanno preso il sopravvento". (Today.it)

La giudice per le indagini preliminari ha confermato l’arresto di Giuliano Castellino, Roberto Fiore e di altri quattro manifestanti fermati dopo le violenze di sabato scorso. Oltre a Castellino e Fiore, tra i fermati ci sono Pamela Testa e Salvatore Lubrano di Forza nuova, Biagio Passaro del movimento «Io apro» e l’ex Nar Luigi Aronica: sono tutti accusati di istigazione a delinquere, devastazione e saccheggio (Domani)

"Eravamo in piazza per protestare contro il Green pass ma non come militanti di Forza Nuova perché il movimento non opera più", hanno ribadito. Restano in carcere le sei persone arrestate in quanto responsabili del blitz nella sede della Cgil, nonché protagonisti degli scontri avvenuti sabato scorso a Roma. (Sky Tg24 )

Al termine dei sei interrogatori di garanzia di questa mattina il giudice ha deciso: le sei persone accusate di aver assaltato il più grande e antico sindacato d'Italia non usciranno di prigione. L'arresto non è stato convalidato. (Repubblica Roma)

Assalto fascista alla Cgil, la farsa degli arrestati: "Noi eravamo lì per fermare le violenze" di Andrea Ossino. Restano tutti in carcere: "Pericolo di reiterazione". Negli interrogatori Fiore e gli altri hanno sostenuto di aver cercato di fermare l'irruzione. (Repubblica Roma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr