Facebook, 533 mln di dati hackerati. Gli esperti: possono essere ancora usati per frodi

Facebook, 533 mln di dati hackerati. Gli esperti: possono essere ancora usati per frodi
Sky Tg24 SCIENZA E TECNOLOGIA

Rubate password, generalità, mail e numeri di telefono leggi anche Facebook, media Usa: rubati i dati di oltre 533 milioni di utenti Tra le informazioni di cui i pirati informatici sono venuti in possesso ci sono password, generalità, spostamenti, indirizzi email, relazioni personali e numeri di telefono.

Rubati nel 2019, possono essere ancora utilizzati da criminali per compiere furti di identità o altre truffe Condividi:. (Sky Tg24 )

Su altre fonti

I dati personali includerebbero: ID Facebook, nome utente, indirizzo di email, numero di telefono dell’account e altre informazioni personali come stato sentimentale o la descrizione biografica del profilo I dati dei profili Facebook diffusi nel darkweb: i dettagli. (Computer Magazine)

Sarebbero stati sottratti a Facebook i dati di 533 milioni di utenti, 37 dei quali italiani. Stipendio e patrimonio. . Facebook: la lista dei dati rubati. La cosa che più preoccupa i milioni di utenti italiani, anche quelli stranieri ad onor del vero, è il fatto che i dati e i numeri di telefono siano stati resi pubblici. (Consumatore.com)

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati Lo riporta un report pubblicato da Business Insider, nel quale si specifica che del totale, 32 milioni sono utenti statunitensi, 11 milioni del Regno Unito, 6 milioni indiani. (ilmattino.it)

Come sapere se un account Facebook è stato rubato

Questo comporta una frattura importante nella fiducia accordata dagli utenti al social network, a cui ognuno di essi affida i propri dati, contando che vengano protetti e trattati con discrezione. (SmartWorld)

Questo perché il sito haveibeenpwned.com ha incamerato i dati rubati per consentire una rapida verifica da parte degli utenti. In tutto il mondo gli account violati sono stati 533 milioni. (Radio Gold)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr