Jabil, la multinazionale Usa che licenzia al tempo del Covid. Sciopero ad oltranza in Campania

Jabil, la multinazionale Usa che licenzia al tempo del Covid. Sciopero ad oltranza in Campania
la Repubblica la Repubblica (Interno)

Magari sarà perché, come tutti gli operai del mondo, i 190 di Marcianise sentono l'azienda anche un po’ loro.

E la data del 25 maggio coincide con la fine del periodo di Cassa integrazione Covid chiesto dall’azienda: “Ci si rende conto?

Verrebbe da parafrasare Humphrey Bogart se non fosse che quando in ballo c’è il lavoro, la dignità delle persone, non è proprio il caso di ironizzare.

Su altri media

E gli ammortizzatori sociali saranno strettamente legati a politiche di attive di formazione”. “Le lettere di licenziamento inviate dalla Jabil sono illegittime. (La Stampa)

Si respira quasi più rassegnazione che rabbia allo stabilimento Jabil di Marcianise (Caserta), dove i lavoratori sono in sciopero dopo che l'azienda ieri ha annunciato il licenziamento collettivo di 190 dipendenti da lunedì 25 maggio; i sindacalisti, non solo quelli dei metalmeccanici ma anche i segretari generali delle Confederazioni locali, sono in prefettura per capire quali spazi hanno per iniziative di mobilitazione e per consegnare una lettera al prefetto da far recapitare probabilmente al Governo. (La Repubblica)

Contava di convincere buona parte dei lavoratori ad accettare l'esodo o la ricollocazione, ma il tempo ormai è scaduto. Nel giugno del 2019, la Jabil aveva annunciato 350 esuberi su un totale di 700 dipendenti. (Sky Tg24 )

«Queste aziende, che hanno partecipato al programma di reimpiego, hanno fatto richiesta di un numero di lavoratori maggiore rispetto ai dipendenti di Jabil in esubero. Un atteggiamento irresponsabile da parte della società americana», ha dichiarato Rocco Palombella, leader dei metalmeccanici della Uil, e Fim, Fiom, Uilm proclamano lo sciopero a oltranza. (La Stampa)

Una doccia gelata e inattesa, che i sindacati denunciano con rabbia: i lavoratori hanno annunciato sciopero ad oltranza. E così la decisione di uno sciopero ad oltranza, partito appena l'azienda ha fatto sapere che avrebbe dato via da lunedì prossimo ai licenziamenti collettivi. (Napoli Fanpage.it)

Jabil - aggiunge l’azienda - ha reso inoltre disponibili significative risorse economiche sia per i dipendenti, come incentivi all’esodo, sia per le aziende che assumeranno i dipendenti di Jabil, a supporto dei loro business plan. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti