Congo, le Forze per la liberazione del Ruanda accusano i ribelli: “Ignobile assassinio”. Ecco i troppi punti oscuri

Congo, le Forze per la liberazione del Ruanda accusano i ribelli: “Ignobile assassinio”. Ecco i troppi punti oscuri
La Stampa INTERNO

L'agguato in Congo: il momento dell'attacco all'auto dell'ambasciatore Attanasio. Il presidente della Repubblica e Capo di Stato congolese, Félix Antoine Tshisekedi Tshilombo, ha inviato una squadra a Goma a supporto delle indagini.

Si tratta di tre membri del gabinetto presidenziali: due del collegio diplomatico e un membro della direzione della stampa.

Iacovacci sarebbe stato portato via dal commando, e ucciso a un chilometro e mezzo di distanza. (La Stampa)

Su altri giornali

Stando a un comunicato del ministero dell’Interno di Kinshasa, tre persone sarebbero state sequestrate nell’attacco al convoglio su cui viaggiava l’ambasciatore italiano. Congo, la ricostruzione dell'intelligence: così è morto Luca Secondo una ricostruzione dell'intelligence, Luca Attanasio sarebbe morto dopo un tentativo di rapimento da parte di sei individui. (Virgilio Notizie)

Leggi anche > Chi era Luca Attanasio, ambasciatore italiano ucciso in Congo. I ribelli del Fdlr si difendono: «Non siamo stati noi». Le «Forze Democratiche per la liberazione del Ruanda» (Fdlr) hanno negato di essere responsabili per l'uccisione di Attanasio, del carabiniere Iacovacci e dell'autista. (Leggo.it)

Cosa sappiamo dell’ agguato nella Repubblica democratica del Congo nel quale sono stati uccisi l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere della scorta Vittorio Iacovacci e l’autista Mustapha Milambo? Ma durante lo scontro a fuoco Attanasio viene colpito a morte. (TIMgate)

Ambasciatore e carabiniere italiani uccisi in Congo. Ribelli Ruanda negano responsabilità

Le fonti del CorSera riferiscono che siano proprio Attanasio e Iacovacci i veri obiettivi del rapimento: spuntano però, attirati dagli spari, alcuni ranger e soldati del Congo con i quali inizia una sparatoria fitta. (Il Sussidiario.net)

I ribelli, per contro, chiedono alle autorità congolesi e alla missione Onu Monusco «di fare completa luce sulle responsabilità di questo ignobile assassinio, invece di ricorrere ad accuse frettolose», scrive il sito citando la dichiarazione. (Corriere del Ticino)

Il capo di Stato congolese ha deciso di inviare in Italia un “suo emissario per portare una lettera personale” a Draghi. Secondo un comunicato della presidenza congolese, sono stati i rapitori a uccidere i due italiani. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr