Due sopravvissuti alla strage di Utøya diventano ministri

laRegione ESTERI

Lì per lì giurò a se stesso che non sarebbe mai più tornato, due anni dopo è diventato il presidente del consiglio per la ricostruzione di Utøya negli anni 2013-2017.

Intervistato dal magazine Teknisk Ukeblad aveva detto: “Utøya farà per sempre parte della mia vita.

“Siamo inorriditi dai tragici eventi di Kongsberg”, ha detto re Harald V riassumendo il sentimento generale e rievocando i fantasmi di Utøya. (laRegione)

Su altre testate

Le autorità hanno subito parlato di «molte vittime e feriti», senza specificare oltre il bilancio. A tarda sera, però, i media norvegesi riferivano di almeno cinque morti, mentre la polizia non escludeva la matrice terroristica. (Notizie - MSN Italia)

Nella storia politica del Paese la "gender equality" è una questione che viene presa molto seriamente: sotto il governo laburista di Jens Stoltenberg (attualmente a capo della Nato), per ben due volte la Norvegia ha infatti avuto una maggioranza di quote femminili. (IL GIORNO)

Il governo di coalizione a guida laburista si è insediato il giorno dopo che un uomo armato di arco e frecce ha ucciso cinque persone nella città sudorientale di Kongsberg e ne ha ferite altre due, riaccendendo la memoria sulla carneficina del 2011. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

All’indomani della strage di Kongsberg, costata la vita a 5 persone, iniziano ad emergere i primi dettagli. Tra le armi utilizzate, sicuramente arco e frecce ma forse anche un coltello, dettaglio che deve essere però confermato dalle autopsie. (Notizie - MSN Italia)

Due giovani ministri si trovavano sull’isola di Utoya quando l’estremista di destra Breivik aprì il fuoco sulla manifestazione giovanile laburista, uccidendo 69 persone, il 22 luglio 2011; altre 8 persone furono uccise dallo stesso Breivik lo stesso giorno a Oslo. (Roccarainola.net)

Le indagini a 360°: non si esclude il terrorismo. Ora le indagini si concentrano sui motivi del gesto, senza escludere alcuna pista. L’attacco con arco e frecce. Le informazioni sono ancora imprecise. (The Italian Times)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr