Istat, mai così male il turismo come nel 2020 con perdite per quasi 64 miliardi

Approfondimenti:
MPS
HelpMeTech ECONOMIA

Agenti di viaggio e tour operator in ginocchio a causa delle conseguenze dell’emergenza sanitaria. «SIamo di fronte ad una ecatombe» dice Franco Gattinoni, presidente della Federazione turismo organizzato | Read More | Il Sole 24 ORE – Economia L'articolo Istat, mai così male il turismo come nel 2020 con perdite per quasi 64 miliardi proviene da HelpMeTech . (HelpMeTech)

Se ne è parlato anche su altri media

Dal lato delle imprese, nel secondo trimestre 2021 prosegue la crescita delle posizioni lavorative dipendenti che, in termini congiunturali, segnano un aumento dello 0,7% nel totale. (gazzettadimilano.it)

È in crescita, mentre calano leggermente disoccupati e inattivi. L’Istat, l’Istituto nazionale di statistica, ha diffuso ieri i dati relativi all’occupazione in Italia nel secondo trimestre del 2021, quello che va da aprile a giugno. (TIMgate)

Su base annua si rileva, invece, un calo del costo del lavoro pari a -3,1% Infatti nel secondo trimestre 2021 l’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, registra un aumento del 3,9% rispetto al trimestre precedente e del 20,8% rispetto al secondo trimestre 2020; anche il Pil è aumentato, del 2,7% in termini congiunturali e del 17,3% in termini tendenziali. (Il Domani d'Italia)

L'Italia è tornata al lavoro. Ma la ripresa è "a termine"

Anche il business travel ha perso tre quarti del suo giro d’affari e il settore eventi è sotto dell’80%. I dati odierni dell’Istat sul settore turistico nel 2020 parlano chiaro. (Travelnostop.com)

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo [email protected] Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita (AgCult)

Mentre però il dato sui maschi segna soltanto un -2,3%, ben più negativo è quello delle donne (-3,7%) Oltre a ciò, oggi constatiamo con particolare chiarezza come il nostro diritto del lavoro impedisca quel generale riassetto delle forze produttive di cui c'è bisogno. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr