L’ennesimo errore della BCE sui tassi a luglio ci costerà caro

InvestireOggi.it ECONOMIA

La svolta monetaria sarà annunciata al board del 21 luglio e segna una cesura dopo undici anni di allentamento monetario.

Mancano pochi giorni al primo rialzo dei tassi BCE.

E così, fino al marzo scorso i tassi BCE erano dello 0,75% più bassi dei tassi FED, tra poche settimane la differenza sarà esplosa al 2,75%

Inflazione alta, tassi BCE ancora negativi. Ma l’inflazione galoppa e questi minimi ritocchi appaiono ridicoli. (InvestireOggi.it)

Su altri media

Su quanto potrà essere lungo quel “certo periodo” Madame Christine non si esprime, e già questo la dice lunga sull’incertezza del futuro. Il gruppo dei “donatori” dovrebbe quindi comprendere una mezza dozzina di Paesi del “nucleo” della zona euro, tra cui Germania, Francia e Paesi Bassi. (tviweb)

Ma se tale caso peggiore si verificasse è alta la probabilità di un intervento “scudo” sia dell’Ue, sia della Bce pur condizionato dal requisito di disinflazione rapida Una parte degli strumenti è già in atto: l’acquisto selettivo di debiti nazionali più a rischio di inaffidabilità come quello italiano. (Il Sussidiario.net)

Anzi, guadagnandoci anche qualcosa per via dei rendimenti negativi garantiti ai titoli di stato con rating migliore. La liquidità eccedente rispetto a quella assorbita dalle emissioni di nuovo debito pubblico è stata di ben 2. (Contropiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr