Oltre 200 persone migranti saltano la barriera a Melilla ed entrano in Spagna

Avvenire ESTERI

Lo rendono noto diversi media spagnoli, citando la delegazione del governo di Madrid a Melilla.

Ansa. COMMENTA E CONDIVIDI. . . . . . . Più di 230 persone migranti sono riuscite a entrare in territorio spagnolo, saltando in massa, la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l'enclave di Melilla.

Si tratta di uno dei salti di massa della barriera alla frontiera di questa enclave che hanno coinvolto più persone negli ultimi anni. (Avvenire)

La notizia riportata su altri giornali

I migranti, alcuni dei quali feriti, sono arrivati al Centro di soggiorno temporaneo per immigrati di Melilla attraversando diversi quartieri della città, chiedendo "asilo". Ansa Madrid: "Oltre 230 migranti saltano la barriera di Melilla ed entrano in Spagna". (Notizie - MSN Italia)

. – MADRID, 22 LUG – Più di 230 migranti sono riusciti a entrare in territorio spagnolo saltando in massa la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l’enclave di Melilla. Si tratta di uno dei salti di massa della barriera alla frontiera di questa enclave che hanno coinvolto più persone negli ultimi anni. (Libertà)

Si tratta come detto della terza irruzione in appena due settimane Oltre 200 migranti di origine sub sahariana sono riusciti a entrare a Melilla, città autonoma in territorio spagnolo, superando la recinzione che separa la frontiera con il Marocco (La Stampa)

Intanto, il cadavere di un giovane migrante è stato ritrovato su una spiaggia di Ceuta, altra enclave spagnola in Marocco Lo rende noto l'agenzia di stampa Efe, che cita fonti della delegazione del governo centrale nell'enclave. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Il fatto riportato è avvenuto poco prima delle 7 del mattino. iù di 230 migranti sono riusciti a entrare in territorio spagnolo saltando in massa la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l'enclave di Melilla (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Cosa sta succedendo a Melilla. La cronaca delle ultime ore parla chiaro. Quegli assalti non casuali. Ceuta e Melilla vivono da anni con lo spettro delle ondate migratorie. (InsideOver)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr