Fi-Pi-Li, scarsa manutenzione in un coacervo di piccoli torrenti

Corriere Fiorentino INTERNO

Poi franò il muro della Fi-Pi-Li (7 gennaio).

Scarsa manutenzione, in un luogo che invece dovrebbe essere costantemente monitorato: quella strada si chiamava infatti «via della Fonti».

Un torrente è stato messo in un tubone ma come dimostrano alcune carte del 1863, l’area è sempre stata un coacervo di rivoli d’acqua.

Perché, quando è stata fatta negli anni ‘60 la Fi-Pi-Li, non fu realizzato un viadotto e invece fu fatto un terrapieno?

E il muro della Fi-Pi-Li deve essere tutto rifatto: c’è sempre il rischio di una frana

(Corriere Fiorentino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Al momento si registrano circa 6 chilometri di coda tra Empoli Est e l’uscita obbligatoria di Ginestra – Forti disagi per chi deve raggiungere Firenze dall’Empolese Valdelsa. (Firenze Post)

All'inizio le code si erano formate tra Empoli e Ginestra Fiorentina, sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno, in direzione del capoluogo toscano proprio per le macchine in uscita. Stamattina la strada è rimasta chiusa tra Ginestra Fiorentina e Lastra a Signa, in direzione del capoluogo toscano, per verifiche tecniche nel tratto del cantiere. (LA NAZIONE)

Inizio di giornata, oggi martedì 8 giugno, per chi viaggia in auto. Uscita obbligatoria a Ginestra, verso Firenze, e a Lastra a Signa, verso il mare. (La Repubblica Firenze.it)

Lavori in Fi-Pi-Li: chiusure notturne fino al 19 giugno

Gli automobilisti e i camionisti che tutti i giorni per motivi di lavoro o familiari percorrono la Fi-Pi-Li si sono attrezzati sui social con dei gruppo Whatsapp, Telegram e Facebook. Gli amministratori del gruppo WhatsApp Sandro Banchellini, Laura Anastasio, Manuela Pratali, Paola Seminara, Beatrice Costagli (gonews)

Il primo tratto della Fi-Pi-Li, Montelupo-Empoli, venne inaugurato nel 1970, l’anno di istituzione della Regione Toscana. shadow. (Corriere della Sera)

Le pavimentazioni previste in questa e nella prossima settimana saranno eseguite tutte in notturna. (gonews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr