Coronavirus, Bianchi: “A settembre puntiamo alla scuola in presenza”. Salvini: “Imporre i vaccini ai docenti è inutile”

Coronavirus, Bianchi: “A settembre puntiamo alla scuola in presenza”. Salvini: “Imporre i vaccini ai docenti è inutile”
La Stampa INTERNO

Certo dobbiamo essere in presenza, ma con una partecipazione diversa: partecipazione a quel processo di cambiamento della didattica.

La Dad ha esasperato problematiche che c'erano anche prima: una parte del Paese, il 40% dei ragazzi non raggiunge lo standard internazionale.

Il leader della Lega: «A scuola l’obbligo vaccinale non ha senso».

Il problema non è la Dad: «Dire che la colpa è sua è solo lenitivo del dolore, una sorta di autoassoluzione. (La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

Nessun minorenne è morto di solo Covid, e gli insegnanti non vaccinati chi potrebbero mai infettare? Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, a Quarta Repubblica su Retequattro (LaPresse)

A prova di ciò si adducono le performance migliori dei test nella scuola elementare, dove le lezioni in presenza sono state meglio garantite durante la pandemia. Senza una pedagogia capace di valorizzare queste opportunità, la Dad enfatizza la tossicità di un metodo che richiede un’autodisciplina incompatibile con le nuove generazioni, produce esclusioni e apre nella società un’emergenza psichica (L'HuffPost)

Sarebbe davvero un danno grave per i percorsi formativi e di socializzazione dei nostri studenti. «Riteniamo indispensabile per quest’anno evitare la didattica a distanza nelle scuole della Campania. (Corriere del Mezzogiorno)

Prove Invalsi, gli effetti della pandemia: malissimo inglese e matematica «La dad non può sostituire la scuola»

Il punto è che siamo in presenza di un sistema che funziona come una sorta di misuratore, come il termometro: misura la temperatura, ma non la malattia La ricerca spasmodica rivolta a misurare tutto ciò che serve è frutto di un’idea omologa, da pensiero unico, per cui ciò che vale deve essere misurato, anche il grado di apprendimento”, spiega Pino Turi, segretario generale della Uil Scuola. (Orizzonte Scuola)

Faremo di tutto per avere solo didattica in presenza”, ha concluso De Luca Per raggiungere questo obiettivo è essenziale sviluppare una campagna di vaccinazioni mirata per la fascia di giovani tra i 12 e i 19 anni". (NapoliToday)

Prove Invalsi, gli effetti della pandemia:. malissimo inglese e matematica. «La dad non può sostituire la scuola». La prova Cbt (computer based testing) per la III secondaria di primo grado (grado 8) ha fornito esiti positivi, con livelli crescenti di risultato. (Cronache Maceratesi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr