Il mistero della turbina e il ricatto (riuscito) della Russia alla Germania sul gas

Il mistero della turbina e il ricatto (riuscito) della Russia alla Germania sul gas
Approfondimenti:
Corriere della Sera ESTERI

No, perché Gazprom continua a sostenere che non può comunque ricevere la turbina a causa della burocrazia imposta dalle sanzioni.

Sta alzando la posta, punta ad aprire Nord Stream 2. Martedì scorso Olaf Scholz stava posando in un piccolo centro della Germania nord-occidentale, Mülheim an der Ruhr, per la più strana delle foto.

Dopo aver incontrato Vladimir Putin, l’ex cancelliere Gerhard Schröder (che continua a lavorare per Gazprom) ha fatto sapere pubblicamente che tutto sarebbe risolto se solo Berlino acconsentisse ad aprire Nord Stream 2. (Corriere della Sera)

Su altri media

Nel frattempo, ha detto Scholz, verranno riattivate come già deciso nuove centrali elettriche a carbone e sarà comunque necessario "risparmiare più gas possibile" Mosca deve solo "fornire le informazioni doganali necessarie per il trasporto in Russia", ha affermato Scholz. (EuropaToday)

Roma, 5 ago. (askanews) – La Commissione europea ha ribadito che le sanzioni contro la Russia non coinvolgono infrastrutture o sistemi per il trasporto del gas naturale e che le argomentazioni di Mosca, che imputa un calo delle forniture all’Ue alla mancanza di una turbina del gruppo Siemens, che era stata bloccata a lungo in … (Agenzia askanews)

- BRUXELLES, 05 AGO - Le sanzioni dell'Ue non bloccano in alcun caso il trasporto di strumenti legati all'export di gas russo, inclusa la turbina della Siemens che era stata data in riparazione in Canada. (l'Adige)

Gas: Ue, 'turbina non è sanzionata, da Mosca solo scuse'

Un tentativo diplomatico, per sbloccare la situazione di stallo, è direttamente arrivato dall’ex cancellerie tedesco, stretto amico di Putin: Gerhard Schroeder. Secondo Der Spiegel, l’ex leader sarebbe andato a Mosca, proprio per incontrare personalmente Putin, e ottenere un negoziato. (Nicola Porro)

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha risposto he la turbina manca di documentazione che dimostri che non è soggetta a sanzioni. Il raddoppio della condotta, sin dall’inizio inviso agli Stati Uniti, non è però mai entrato in funzione a causa dello stop deciso con l’aumento delle tensioni geopolitiche (Il Fatto Quotidiano)

"Qualunque cosa venga detta in questo senso da Mosca è semplicemente falsa. Pubblicità (La Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr