Bitcoin ai minimi dell'anno sotto 30mila $ dopo la stretta di Pechino sul trading

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Il film di cui è stato protagonista il bitcoin negli ultimi mesi non è molto differente da quello visto nel 2017: l’andamento sembra davvero la fotocopia di quanto successo quattro anni fa.

La caduta è stata rapida e tumultuosa tanto quanto la salita.

Per la cronaca oggi il bitcoin ha perso ancora terreno dopo la caduta del 10% di lunedì, scendendo fino a sotto quota 30mila dollari, ai minimi dell’anno. (Il Sole 24 ORE)

La notizia riportata su altri giornali

Il prezzo di BTC è sceso fino a 29.247 dollari e poi ha recuperato di nuovo sopra i 33.000 dollari prima dell’inizio della candela 4HR finale della giornata. C’è anche uno scenario molto promettente qui sotto delineato da TradingShot che mostra cosa è successo storicamente quando BTC ha colpito la 1W MA50. (Cryptonomist)

Ci sono due tipi di minatori; minatori commerciali, che vengono utilizzati da grandi istituzioni finanziarie come banche e fondi speculativi, e minatori hobbisti che tendono a farlo per divertimento. Conclusione. (Radio RTM Modica)

(HelpMeTech)

Mentre il governo cinese continua a contrastare il mining di criptovalute, i prezzi delle schede grafiche stanno diventando più accessibili. Anche le autorità di Xinjiang, Mongolia Interna e Qinghai hanno ordinato ai miner di cessare le attività (Cointelegraph Italia)

Nel dettaglio, tra quest’ultimi il 33% considera le valute virtuali “veleno per topi” – riprendendo la celebre stoccata di Warren Buffett di inizio anno – e il 16% una “mania temporanea”. Stretta che può avere però una doppia chiave di lettura: deterrente per gli investimenti sulle criptovalute o atto di riconoscimento di quest’ultime come asset class (Money.it)

Bitcoin, Cina, Miners e crisi del mercato: siamo molto lontani dalla fine. Perché la situazione sui mercati continua ad essere molto particolare – per i motivi che andremo a riassumere qui di seguito. (Criptovaluta.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr