«No alla regolarizzazione dei migranti economici. Più rimpatri, anche con le navi»: il piano di Lamorgese per fermare gli sbarchi

«No alla regolarizzazione dei migranti economici. Più rimpatri, anche con le navi»: il piano di Lamorgese per fermare gli sbarchi
Open Open (Interno)

Se il ministro Luigi Di Maio vuole bloccare le partenze, Lamorgese punta su maggiori rimpatri: con gli aerei, ma anche via mare.

Inoltre tra le misure sul tavolo c’è quella di negare la regolarizzazione ai migranti economici: «Sappiano che non c’è alcuna possibilità di regolarizzazione per chi è arrivato in Italia dopo l’8 marzo 2020».

Ne parlano anche altri media

Facile perché il dibattito negli ultimi giorni si è inevitabilmente spostato su Matteo Salvini e le sue malefatte quando era ministro dell’Interno. Quello che invece stupisce è il silenzio, anche questo senza precedenti, che arriva da palazzo Chigi. (L'HuffPost)

Si è appena conclusa al Viminale l’ultima riunione tra il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e la maggioranza. Trovata l’intesa, al quinto incontro, sul nuovo testo che modifica di fatto i decreti sicurezza firmati dall’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini (Corriere della Sera)

Tutti i migranti che sbarcano sulle nostre coste "sono sottoposti al test sierologico e poi al tampone. Ora inizia la fase del confronto con gli enti territoriali per valutare insieme i profili del nuovo sistema di accoglienza". (Yahoo Notizie)

La quarantena è obbligatoria per tutti, ma prima di trovare posti dedicati il Viminale deve affrontare mille 'no' che arrivano da comuni e Regioni", sottolinea Lamorgese. (AGI - Agenzia Italia)

Tra i punti di novità si segnalano la cancellazione delle multe milionarie alle navi ong, l'allargamento della possibilità di accedere alla protezione umanitaria, la revisione del sistema di accoglienza Siproimi, la possibilità per i richiedenti asilo di iscriversi all'anagrafe. (Avvenire)

Il testo sarà sottoposto all'attenzione delle autonomie locali, ma per l'approvazione in Consiglio dei ministri se ne riparlerà a settembre. Al quinto incontro al Viminale appena concluso si è trovata l'intesa - a quanto si apprende - tra il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese e gli esponenti della maggioranza su un nuovo testo che supera i Decreti sicurezza di Matteo Salvini (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr