Pagamenti interni nelle app, schiaffo ad Apple in tribunale

Pagamenti interni nelle app, schiaffo ad Apple in tribunale
Ticinonline SCIENZA E TECNOLOGIA

Il tutto, lo ricordiamo, era partito nell'agosto del 2020, quando Epic Games ha fatto causa ad Apple per aver rimosso "Fortnite" dall'App Store.

È infatti arrivata la sentenza nella disputa con Epic Games, azienda produttrice del noto gioco "Fortnite", che aveva intentato una causa legale contro Apple per «l'anticoncorrenzialità» del gigante tecnologico.

Le azioni Apple sono scese di circa il 2,5% alla notizia della decisione, che è previsto entri in vigore fra 90 giorni

In particolare, il caso riguarda le modalità con cui gli sviluppatori possono raccogliere pagamenti all'interno delle app. (Ticinonline)

La notizia riportata su altri giornali

Il giudice Yvonne Gonzalez Rogers ha concesso un'ingiunzione richiesta da Apple contro Epic Games Inc. Cupertino ha avuto ragione su 9 dei 10 punti della lite ma ha perso sulle modalità di acquisto sull'App Store. (AGI - Agenzia Italia)

Epic Games ha chiesto a Apple di ripristinare il suo account sviluppatori giacché intende riproporre Fortnite sull’App Store in Corea del Sud. Negli USA c’è un procedimento in corso tra Apple e Epic Games, e si sta attendendo una sentenza definitiva da parte del giudice incaricato del caso (macitynet.it)

Basti pensare che Google Play Store, PlayStation Store, Xbox Store e Nintendo eShop, utilizzano tutti la stessa struttura dell’Apple Store, obbligando l’utenza ad acquistare qualsiasi contenuto addizionale attraverso il proprio store. (Tom's Hardware Italia)

Epic “vince” su Apple: l’App Store dovrà permettere altri sistemi di pagamento

La decisione del giudice Rogers dà quindi ragione a Epic Games, la casa di sviluppo di videogiochi nota soprattutto per Fortnite. Di conseguenza, Epic deve pagare ad Apple il 30% di tutte le entrate raccolte: una somma che supera i 3,5 milioni di dollari (Il Fatto Quotidiano)

La piattaforma battle royale si prepara anche al gran finale, con un aggiornamento davvero clamoroso che porterà tantissime novità. Molto più che un videogioco, un vero fenomeno mondiale che ha creato anche una vivida scena eSport alla quale partecipano anche… le mamme dei videogiocatori professionisti. (Spaziogames.it)

Reuters ha già scritto che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta indagando sul produttore di iPhone Gonzalez Rogers ha smesso di concedere a Epic tolleranza verso le numerose richieste, come costringere Apple ad aprire l’iPhone verso app store di terze parti. (iGizmo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr