Vaccino, Viola: “Posticipare seconda dose è irresponsabile. Mette a rischio salute dei cittadini”

Vaccino, Viola: “Posticipare seconda dose è irresponsabile. Mette a rischio salute dei cittadini”
Corriere Etneo SALUTE

No”,. secondo l’immunologa dell’università di Padova Antonella Viola.

“Ha senso posticipare la seconda dose” del vaccino anti-Covid “come sta facendo il Regno Unito?

“E’ un azzardo – avverte sui social – L’efficacia del 95% si ottiene rispettando il protocollo clinico approvato dalle agenzie regolatorie.

E’ irresponsabile”,. ammonisce la scienziata che si inserisce così nel dibattito sull’opportunità o meno di utilizzare i vaccini disponibili per somministrare la prima dose a un numero maggiore di persone, rimandando la seconda iniezione. (Corriere Etneo)

Se ne è parlato anche su altri media

Per rendere più accettabile questa fase di isolamento, abbiamo attivato incontri in video-chiamata e ripreso le attività organizzate da animatori specializzati. Stiamo superando anche questa seconda fase con ad oggi solo due ospiti positivi, e senza avere avuto decessi per sintomatologie rilevanti riconducibili al Covid”. (Il carmagnolese)

Dall’inizio della campagna si è quindi proceduto all’inoculazione di 67.333 dosi, corrispondenti all’81,3% delle 82.810 consegnate al Piemonte con la prima e la seconda fornitura. In queste ore, intanto, è stata ultimata da parte di Pfizer la consegna della terza fornitura di 40.000 dosi per il Piemonte, che sarà inoculata a partire da domani. (QC QuotidianoCanavese)

L’ALA – “Siamo soddisfatti per come stanno procedendo le cose – ha detto a Laquilablog, Enrico Giansante, responsabile dell’Uoc Igiene Epidemiologia e Sanità pubblica della Asl Avezzano Sulmona L’Aquila -; oltre 3900 finora le dosi di vaccino anti Covid somministrate al personale sanitario”. (L'Aquila Blog)

Vaccino covid, Bassetti: «Farmacie, medici di famiglia e caserme per la somministrazione»

Per il momento la possibilità di sottoporsi all'iniezione è riservata agli over 85, fascia d'età maggiormente a rischio e quindi più bisognosa di tutela. Pur se, per vaccinarsi, non esista il requisito dell'obbligatorietà, "le autorità cantonali e federali - prosegue la nota- lo raccomandano fortemente". (Comolive)

Ad annunciarlo è in una nota il sindaco, Michele Minenna. Troilo, direttore del Distretto Sanitario, ed eseguita dall’equipe medico-infermieristica dell’ufficio igiene locale diretta dal Dott. (BariToday)

In un momento come questo sono convinto che tutti farebbero, se adeguatamente coinvolti, la loro parte». Per l’infettivologo genovese il vaccino resta la chiave, e rendere facile l’accesso ai vaccini in tutta Italia segnerebbe la vittoria contro la pandemia. (GenovaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr