Prima la rissa a Terrasini, poi l’agguato a Cinisi: indagini sul tentato omicidio di due fratelli

Prima la rissa a Terrasini, poi l’agguato a Cinisi: indagini sul tentato omicidio di due fratelli
il Fatto Nisseno INTERNO

I carabinieri hanno sequestrato l’auto con la quale è stato portato in ospedale Roberto Bozzo

Pare che nessuno abbia visto o sentito nulla del tentato omicidio avvenuto a un centinaio di metri dalla casa di Peppino Impastato.

L’intervento chirurgico a Roberto Bozzo. Intervento complesso e delicato quello che ha subito Roberto Bozzo, il giovane di 23 anni, ferito a Cinisi da alcuni colpi di pistola nei pressi di un distributore di benzina. (il Fatto Nisseno)

Su altre fonti

Sarebbe stato lui a sparare ai due fratelli Emanuel e Roberto Bozzo. Poi a tarda notte attorno alle quattro, il giovane di Carini avrebbe teso l’agguato ai due fratelli sparando e ferendo in modo grave Roberto e in modo lieve Emanuel. (Tele Occidente)

I militari sono al lavoro per riuscire a sapere con chi avessero trascorso la notte i fratelli Bozzo Vittime dell'agguato due fratelli di 23 anni e 21 anni, raggiunti da colpi d'arma da fuoco nei pressi di un distributore di benzina Q8 tra corso Umberto e via Venuti. (Giornale di Sicilia)

E’ un giovane palermitano che abita a Villagrazia di Carini, l’arrestato per l’aver sparato lo scorso sabato a Cinisi ai fratelli Bozzo, pare per motivi futili scaturiti da una precedente lite avvenuta in piazza a Terrasini (Scavo Giuseppe)

Due fratelli feriti a colpi d'arma da fuoco a Cinisi

La vittima aveva iniziato a frequentare l'ex fidanzata dell'aggressore. I carabinieri di Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, hanno arrestato un 19enne martedì 12 ottobre, accusato di tentato omicidio e detenzione illegale di arma da fuoco. (LaPresse)

L'episodio è avvenuto in una stazione di servizio nella via principale del paese. CINISI – Prima una lite e una rissa a Terrasini, poi l’agguato al distributore di benzina, a Cinisi, dove i fratelli Emanuel e Roberto Bozzo, di 21 e 23 anni erano andati alle 4 del mattino, insieme a un amico, per fare benzina. (Livesicilia.it)

I carabinieri stanno acquisendo le immagini dei sistemi di video sorveglianza della zona, a cominciare proprio da quelle del distributore di benzina I carabinieri hanno trovato a terra due bossoli di una calibro 9 e hanno sequestrato l'auto con la quale il più grande dei due fratelli è stato portato in ospedale e che ha un foro nella carrozzeria. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr