FEDEZ AL CONCERTONE/ Si può usare il ddl Zan per insultare metà degli italiani?

FEDEZ AL CONCERTONE/ Si può usare il ddl Zan per insultare metà degli italiani?
Per saperne di più:
Il Sussidiario.net INTERNO

Federico “Fedez” Lucia martire.

La pagano gli italiani, mese dopo mese, con la bolletta della luce.

Infatti il sig. Lucia ha occasione quotidiana con la holding di famiglia di esprimere pareri sullo scibile umano e sulle pose di Posaman.

Anche no, se entrano a gamba tesa su una proposta di legge che non piace affatto a metà degli italiani.

Fedez/ Così festeggia il primo mese della figlia Vittoria. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altre testate

Il discorso di Fedez al Concerto del Primo Maggio e la reazione di Alessandro Zan. Fedez ha colto la palla al balzo invitando Mario Draghi a concentrarsi su quella che, oggi, nonostante il Covid-19, è una priorità del nostro paese. (Gingergeneration.it)

Ma il contenuto è stato comunque definito inopportuno dalla vice direttrice di Rai3" dice Fedez quando va in onda. E a proposito di diritto alla vita l'ultra cattolico Jacopo Coghe, amicone del leghista Pillon, in questi mesi è stata la prima voce a sollevarsi contro il ddl Zan (TG La7)

Il problema è che le argomentazioni di Salvini e Meloni con la legge Zan c'entrano poco o nulla. Con il ddl Zan rientrebbero tra i motivi di discriminazione anche le idee fondate "sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale, sull'identità di genere o sulla disabilità". (Today.it)

Ddl Zan, bufera Fedez contro la Lega

La telefonata con la vice direttrice di Rai 3. Protagonista contro tutti, Fedez 4' di lettura. Un attacco diretto al senatore leghista Andrea Ostellari, reo di osteggiare il Ddl Zan, e a tutta la Lega. (Il Sole 24 ORE)

Il focus Concerto Primo Maggio, Fedez: "Mio intervento inopportuno per vicedirettrice Rai3" - Ostellari e Ddl Zan: chi è il senatore leghista e perché Fedez lo ha attaccato. In quella occasione, poche settimane fa, Rinaldi rivendicò quelle parole, spiegando poi sui social che ciò che intendeva dire era che le associazioni Lgbtq richiedono trattamenti privilegiati per certe categorie, cosa contraria all'uguaglianza. (il Resto del Carlino)

Quindi l'attacco alla Lega per il suo orientamento al Ddl Zan, con tanto di corredo di frasi omofobe pronunciate o scritte da leghisti, con nomi e cognomi dei loro autori. (TG La7)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr