Giorgetti riparte dai tavoli di crisi e studia il rilancio delle aziende

Per saperne di più:
La Stampa INTERNO

Il divieto di licenziare resterebbe per le aziende rimaste chiuse per le restrizioni varate per legge o per quelle più colpite dalla crisi.

Debutta con questo impegno ai sindacati il mandato del neo ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, che ieri si è confrontato con la protesta numero uno dell’era Draghi.

Prima però arriverà la proroga del blocco dei licenziamenti.

Intanto, oggi il ministro incontrerà ancora i sindacati per la vertenza della ex Ilva

Un breve differimento potrebbe invece essere propedeutico a un secondo step che dia il via a una proroga selettiva del blocco. (La Stampa)

Ne parlano anche altri media

Il neo premier conosce Giorgetti, critico verso Salvini sulle scelte che poi portarono alla nascita del governo Conte II. 3 Prova di forza. Coi 16 dissidenti dei 5 Stelle che hanno votato no a Draghi e che si collocano all’opposizione, il principale azionista della maggioranza alla Camera diventa il centrodestra con 115 deputati contro i 110 dell’asse giallorosso (QUOTIDIANO.NET)

L’oroscopo di domenica 21 febbraio, Toro: “In amore non giocate con i sentimenti”

Pesci – Prima di fare nuovi progetti di lavoro dovete avere chiare le priorità Vergine – Avete fatto degli ottimi progetti professionali: continuate così. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr