Nomisma: "Se il Governo non interviene il prezzo del gas salirà del 50%"

L'HuffPost ECONOMIA

“Le tariffe del gas sono decise ogni trimestre dall’Arera, sulla base dei prezzi internazionali - spiega Tabarelli -.

Senza interventi del governo, al primo gennaio le bollette del gas aumenteranno del 50%, quelle dell’eletticità almeno del 17%, ma forse del 25%.

Ma dato l’andamento dei mercati internazionali, senza un intervento dello stato per calmierare, nel trimestre gennaio-marzo 22 si arriverà a 1,40 euro”. (L'HuffPost)

Su altri giornali

Le cause del caro gas per Tabarelli sono molteplici: «La prima è che gli stoccaggi sono bassi, perché la Russia consegna meno gas all'Europa. Ma dato l'andamento dei mercati internazionali, senza un intervento dello stato per calmierare, nel trimestre gennaio-marzo 22 si arriverà a 1,40 euro». (Leggo.it)

A partire dal 2022, le bollette si prospettano sempre più care nonostante il Governo si stia impegnando a calmierare i prezzi. Gli utenti del mercato libero, al momento, non hanno subito (e non subiranno) l’aumento dei prezzi, per lo meno non eccessivamente. (LettoQuotidiano)

Si parla in totale di 2,8-2,9 milioni destinati ad allevviare il peso degli aumenti che saranno destinati soprattutto alle fasce di reddito più basse (Today)

Innanzitutto, spiega l’esperto, “gli stoccaggi sono bassi perché la Russia consegna meno gas all'Europa. 2/8 IPA/Fotogramma. L’incremento maggiore è previsto per le bollette del gas, che potrebbero salire del 50%. (Sky Tg24)

Aumenti shock per le bollette che rischiano di investire con forza soprattutto la Sicilia. Quindi per il consumatore il disagio non è solo sull'energia ma anche sugli incrementi dei costi delle merci. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr