Imprese in Italia: tutti i dati Istat sull'impatto Covid

Imprese in Italia: tutti i dati Istat sull'impatto Covid
Money.it ECONOMIA

Crollo del fatturato in tutti i settori in Italia. Il fatturato è stato colpito in tutti i principali settori secondo il rapporto Istat

Imprese Italia: i numeri Istat sulla crisi Covid. Nel rapporto Istat sulla competitività di sistemi produttivi nazionali emergono innanzitutto i segni del disastro Covid.

L’Istat evidenzia che sono le imprese piccole e piccolissime - quota rilevante della nostra economia - a risentire maggiormente della scossa Covid. (Money.it)

Ne parlano anche altre fonti

Ogni lunedì la redazione di siderweb realizza il siderweb TG, il telegiornale della siderurgia che ti aggiorna sulle più importanti notizie della settimana Se preferisci puoi anche acquistare i SiderCrediti un modo semplice e diretto per navigare tutto il sito quando ne hai bisogno. (Siderweb)

La crisi economica legata all'emergenza coronavirus ha acuito il divario tra le aree geografiche d'Italia, con l'Umbria che sembra sempre più 'scivolare' verso il Sud. Le sei regioni classificabili a rischio basso si trovano invece tutte nell’Italia settentrionale (Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Provincia autonoma di Trento)". (PerugiaToday)

Ancora più consistenti sono state le perdite per il settore dei concerti: rispettivamente -83,2% e -89,3% editato in: da. (Teleborsa) – Nel 2020 la pandemia ha portato a una riduzione delle manifestazioni ed eventi di spettacolo dal vivo e riprodotto pari al 69,3% rispetto all’anno precedente. (QuiFinanza)

Lavoro, perché crescono gli inattivi e perché il dato è importante

(ITALPRESS) – I viaggi dei residenti in Italia nel 2020 toccano il loro minimo storico: sono 37 milioni e 527 mila (231 milioni e 197 mila pernottamenti), con una drastica flessione rispetto al 2019 che riguarda le vacanze (-44,8%) e ancora di più i viaggi di lavoro (-67,9%). (ciociariaoggi.it)

Quali aziende non sono in crisi e perché. Solo l'11% delle aziende risulta "solido" e "sarebbe interessato in misura marginale dalla crisi" Il settore turistico è quello più colpito. Ad essere a rischio sono soprattutto nei settori a basso contenuto tecnologico e di conoscenza, in particolar modo le attività legate al turismo. (TIMgate)

Nel linguaggio dell’Istat “comprendono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate o in cerca di occupazione”. sono coloro che pur non avendo un lavoro (o non avendolo più) lo stanno cercando attivamente. (TIMgate)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr