Covid, Ue: 54,7% completamente vaccinati, 67,8% con prima dose

Covid, Ue: 54,7% completamente vaccinati, 67,8% con prima dose
LaPresse SALUTE

(LaPresse) – Sono 200 milioni gli adulti nell’Ue completamente vaccinati ad oggi, ovvero il 54,7%, mentre il tasso di chi ha ricevuto la prima dose è del 67,8%.

L’obiettivo della Commissione Ue è che gli Stati membri raggiungano il 70% di popolazione adulta completamente vaccinata entro luglio e per raggiungerlo è stato consegnato un numero di dosi sufficienti

Lo ha comunicato la portavoce della Commissione Ue, Dana Spinant, nel briefing con la stampa. (LaPresse)

Se ne è parlato anche su altri media

Ad annunciare il cambiamento è stato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, precisando che si estendono così i tempi della normativa attuale, che prevede un’unica dose vaccinale entro 6 mesi dalla guarigione. (IL GIORNO)

Spesso, lo svenimento dopo il vaccino è dovuto alla cosiddetta sincope vasovagale, ossia una temporanea perdita di coscienza. Le cause della sincope vasovagale. La sincope vasovagale non si verifica solamente in seguito alla vaccinazione anti-Covid: può riguardare altri vaccini e anche, in alcuni casi, i prelievi del sangue. (Quotidiano.net)

Bologna, 21 luglio 2021 - Riaperte, dall’Ausl di Bologna, le prenotazioni per la fascia di popolazione con età tra 20 e 59 anni. Per prenotarsi: www.ausl.bologna.it/per-i-cittadini/coronavirus/vaccino-anti-covid. (il Resto del Carlino)

Costa (sottosegretario Salute): «I calciatori siano d’esempio sui vaccini»

Questo ha comportato, fino ad oggi, per gli ex contagiati, che si trovavano fra 6 e 9 mesi, la negazione della seconda dose e di conseguenza anche la negazione del rilascio del Green pass, che spetta solo a chi ha appunto completato l’iter vaccinale. (LA NAZIONE)

Per chi è già stato contagiato dal Covid ed è guarito basterà anche una sola dose di vaccino. "E' possibile considerare – scrive Rezza – la somministrazione di un'unica dose di vaccino anti-SARSCoV-2/COVID-19 nei soggetti con pregressa infezione da SARS-CoV-2 (decorsa in maniera sintomatica o asintomatica)”. (L'Unione Sarda.it)

VACCINI – «I calciatori sono esempi e modelli per i giovani, o comunque dei punti di riferimento: lo siano anche per i vaccini. Andrea Costa, sottosegretario alla Salute, ha parlato della questione vaccini nel calcio: le sue dichiarazioni anche sul green pass. (Lazio News 24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr