Riforma catasto, Lega si oppone a tasse sulla casa/ Cosa succede: slitta legge Fisco?

Riforma catasto, Lega si oppone a tasse sulla casa/ Cosa succede: slitta legge Fisco?
Il Sussidiario.net INTERNO

Mario Draghi ricorda Beniamino Andreatta a Bologna/ "Riformatore paziente". . SCENARIO ITALIA/ Scelte green e inflazione, l'anticamera di una decrescita infelice

Con ogni probabilità, giovedì in Consiglio dei Ministri non approderà ancora la legge delega sulla riforma del fisco: il motivo, al di là delle discussioni in corso sul Decreto Green Pass che prenderà grande spazio domani in CdM, riguarda lo scontro netto sulla riforma del catasto inserita nel dl fiscale. (Il Sussidiario.net)

Se ne è parlato anche su altri giornali

I motivi pratici ed economici sono legati al fatto che una riforma efficiente del catasto costringerebbe l’Agenzia delle Entrate a procedere con nuove assunzioni Sul come debba essere rivisto ci sono invece divergenze considerevoli, anche perché la riforma prevede una revisione delle tasse sulla casa. (News Mondo)

Insomma, alla riforma complessiva del Fisco che Draghi vorrebbe portare in Consiglio dei ministri prima possibile, magari già in settimana. Il tema della riforma del catasto è legato alle semplificazioni burocratico-amministrative e al calo dell’Irpef. (Velvet Mag)

Il governo infatti, nella riforma fiscale, inserirà molto probabilmente un articolo che dà la delega al governo di preparare la riforma, per fissare poi i criteri. Il valore di reddito potrebbe essere affiancato da quello medio di mercato, le molte categorie catastali potrebbero essere drasticamente semplificate, fino al punto di cancellare la separazione tra case popolari e di lusso. (Il Messaggero)

Sul catasto il no del centrodestra. Il Governo prende tempo sul fisco

La riforma si occuperà anche del taglio di parte delle tax expenditures, ossia l’insieme di sconti fiscali riconosciuti a determinate categorie o soggetti, che anno dopo anno sono aumentate fino a un controvalore di circa 313 miliardi di euro. (LA NOTIZIA)

Forza Italia ha una sua proposta: niente Iva, a fronte di un aumento così sostanzioso delle bollette Ma «abbassamento dell’Irpef sul ceto medio» e «riduzione se non l’abolizione dell’Irap» sono «punti condivisi da tutti i partiti». (Notizie - MSN Italia)

E la delega non sale sul treno del consiglio dei ministri in programma domani, dominato dalla questione Green Pass nel lavoro. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr