Trombosi dopo vaccino, Bassetti: "Per 18enne non si scateni psicosi"

Trombosi dopo vaccino, Bassetti: Per 18enne non si scateni psicosi
Più informazioni:
Cremonaoggi INTERNO

Lo afferma all’Adnkronos Salute, Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

Il vaccino anti-Covid a vettore virale come quello AstraZeneca o J&J ha fatto registrate 6 casi per milione di vaccinati”.

Il caso della ragazza 18enne, vaccinata da pochi giorni con AstraZeneca, e operata ieri al Policlinico San Martino di Genova per una trombosi, “non deve scatenare la psicosi”. (Cremonaoggi)

Su altri media

07 giugno 2021 a. a. a. Dopo essere stato tirato in mezzo dai social, Matteo Bassetti rompe il silenzio. Il caso è quello della 18enne di Genova operata per una trombosi del seno cavernoso, in seguito al vaccino AstraZeneca (Liberoquotidiano.it)

La donna non aveva patologie pregresse e viene descritta come sempre in forma e molto attiva Come ha fatto la donna di 42 anni di Lucca ricoverata in condizioni gravissime nella terapia intensiva dell’ospedale Cisanello a Pisa dopo essere stata colpita da un ictus giovedì scorso. (Il Fatto Quotidiano)

"Escludere le donne giovani dalla somministrazione di vaccini a vettore virale, non solo dalla prima ma anche dalla seconda dose, con indicazioni ancora più chiare". Tanto è vero che anche in Italia la vaccinazione con AstraZeneca alle giovani non viene più iniziata (Adnkronos)

A Siracusa porte aperte Astrazeneca per i 18enni, ma poco cambia. Si attende il vaccino per gli adolescenti

Quando ci si vaccina contro il Covid, il medico deve essere informato se si assumono terapie specifiche". Sarà la farmacovigilanza a dirci se questo è un evento correlato con il vaccino AstraZeneca" (Adnkronos)

Ora però non è il momento di fare polemica, ma bisogna rimboccarsi le maniche e cercare di salvare la ragazza Dopo il vaccino era stata sottoposta a vari esami. A quel punto è stata sottoposta a vari esami che hanno dato esito negativo e così è stata dimessa. (CheNews.it)

Una scelta chiacchierata tra l’opinione pubblica ma, secondo quanto riferito dai cittadini in coda in via Nino Bixio, molto apprezzata. La decisione di aprire le porte ai 18enni va certamente nella direzione di immunizzare un numero sempre più alto di giovani. (Siracusa News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr