Covid, il turismo in Italia riparte prima: quando arriva il green pass per spostarsi

Covid, il turismo in Italia riparte prima: quando arriva il green pass per spostarsi
QuiFinanza INTERNO

A partire dalla seconda metà di giugno sarà pronto il green pass europeo”.

In questo senso il Green Digital Certificate, più semplicemente conosciuto come green pass, dell’Unione Europea diventa essenziale.

Nell’attesa, il governo italiano ha introdotto un pass verde nazionale, che entrerà in vigore già a partire dalla seconda metà di maggio, spiega Draghi

Queste sono le condizioni che normalmente si richiedono nel green pass. (QuiFinanza)

Ne parlano anche altre fonti

E ha proseguito: "Purtroppo la pandemia ci ha chiuso temporaneamente, ma noi siamo nuovamente pronti ad ospitare il mondo. Il pass resterà in vigore fino all'attivazione della piattaforma europea, nella quale saranno convogliati anche i certificati nazionali (IL GIORNO)

Le tre tipologie. Le tipologie di green pass (vaccino, tampone negativo, guarigione con fine dell’isolamento) possono essere in formato cartaceo o digitale Sarà fondamentale anche per l’ingresso degli stranieri nel nostro Paese e precederà il Green Pass europeo, per il quale bisognerà invece attendere la seconda metà di giugno. (BergamoNews.it)

Dalla metà di giugno i turisti che sono stati vaccinati potranno circolare liberamente in Europa, "il green passa sarà pienamente operativo" ma nell’attesa "il governo italiano ha introdotto un pass verde nazionale che entrerà in vigore a partire dalla seconda metà di maggio". (Quotidiano.net)

Quello che sappiamo sul green pass italiano per viaggiare tra le regioni

Il premier Mario Draghi ha annunciato l’introduzione di un certificato verde nazionale, in vigore dalla seconda metà di maggio, che permetterà ai turisti europei di visitare il Paese in attesa del green pass europeo. (Sky Tg24 )

Quindi non aspettiamo la seconda metà di giugno per avere quello europeo, ma già dalla seconda metà di maggio i turisti potranno avere quello italiano” Cosi il premier Mario Draghi è intervenuto martedì in una conferenza stampa dedicata al tema del turismo. (Lecco Notizie)

I punti interrogativi. “Le nostre montagne, le nostre spiagge, le nostre città, le nostre campagne stanno riaprendo – ha detto Draghi - Quindi non aspettiamo la seconda metà di giugno per avere il certificato europeo, ma già dalla seconda metà di maggio i turisti potranno avere quello italiano”. (Wired.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr