Astrazeneca, la Serbia regala 25mila dosi di vaccino agli Stati vicini: «Venite a prenderle»

ilmessaggero.it SALUTE

Al governo serbo sono avanzate 25mila fiale di Astrazeneca e così ha lanciato un appello agli Stati vicini evitare che andassero sprecate.

IL CASO AstraZeneca, l'Olanda sospende il vaccino per tutti fino al 7. ABRUZZO Vaccino, ex infermiera di Lanciano muore dopo la seconda dose di.

SALUTE Vaccini Astrazeneca, a Pratica di Mare arrivate 1,3 milioni di dosi. Le ragioni del successo dei vaccini in Serbia (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altri media

La Serbia, infatti, sottopone alla vaccinazione anche gli stranieri con la possibilità di scegliere tra vaccini Pfizer, Sputnik V, Sinopharm, AstraZeneca e Moderna. “Per vaccinarsi in Italia, tutti i connazionali regolarmente iscritti al Sistema Sanitario Nazionale potranno essere progressivamente inclusi nelle campagne di vaccinazione realizzate in Italia. (StatoQuotidiano.it)

“Per vaccinarsi in Italia, tutti i connazionali regolarmente iscritti al Sistema Sanitario Nazionale potranno essere progressivamente inclusi nelle campagne di vaccinazione realizzate in Italia. Per quanto riguarda la scelta del tipo di vaccino, ”è possibile esprimere anche una scelta multipla”. (L'HuffPost)

Il risultato è sotto gli occhi di tutti Nella spietata corsa ai vaccini, la Serbia finora ha adottato una strategia vincente: rifornirsi velocemente e direttamente del numero più alto possibile di tutti i vaccini sul mercato, russi, cinesi, occidentali. (Il Manifesto)

Sono centinaia le chiamate e le mail ricevute negli ultimi giorni dal Consolato serbo a Milano. “Per ora i vaccini ci sono e sono gratuiti”. Telefonate e mail non si sono fermate neanche nei giorni di Pasqua e Pasquetta. (Sky Tg24 )

Poi il Governo ha aperto a tutti e chiunque dall’Italia può imbarcarsi alla volta di Belgrado dopo aver richiesto il vaccino. Dopo aver vaccinato rapidamente anziani e fragili, hanno incoraggiato le somministrazioni agli imprenditori e in generale alle categorie produttive per favorire la ripresa dell’economia”. (Il Riformista)

Stesso iter per la seconda dose, che dà il diritto a ricevere il certificato vaccinale da fare poi registrare in Italia. Nel modulo online si inseriscono i propri contatti sms e e-mail, si sceglie il siero preferito e si attendere di ricevere la data e l’orario dell’appuntamento. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr