Hackers inviano false email dell’Agenzia delle entrate: annunciano errori nei rimborsi Iva ma…

Il Fatto Quotidiano ECONOMIA

Lo scorso venerdì 9 aprile nella casella di posta elettronica di molti cittadini sono arrivate delle finte e-mail dell’ Agenzia delle entrate . Nelle ore successive alle segnalazioni, l’ente ha fatto sapere che si tratta di e-mail in cui si parla di incoerenze emerse durante la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva inviata dal contribuente alle Entrate, spesso accompagnate da un file malevolo in formato . (Il Fatto Quotidiano)

Su altre testate

In arrivo la comunicazione dell’Agenzia delle Entrate che crea sconforto nei contribuenti. Molti contribuenti riceveranno in questi giorni avvisi bonari contenenti le anomalie e la sanatoria per la dichiarazione dei redditi 2017. (Proiezioni di Borsa)

Insomma non c’è proprio nulla da scherzare e forse è il caso che, chi rientra in queste due categorie, si faccia avanti prima che sia troppo tardi Ecco come il Giornale descrive l’operazione: “Il Fisco passerà ai raggi X tutti i dati che sono stati mostrati alle Entrate in fase di richiesta del sussidio. (Tecnoandroid)

Altrimenti, ad aprire la mail dell’Agenzia delle Entrate ci si trova con il conto svuotato Attenzione ad aprire la mail dell’Agenzia delle Entrate ci si può trovare anche con il conto svuotato. Pertanto l’Agenzia delle Entrate con un comunicato del 9 aprile disconosce una mail in apparenza inviata dall’amministrazione finanziaria. (Proiezioni di Borsa)

La rettifica di costi, crediti e perdite pluriennali non soggiace più a decadenza: ora il Fisco può chiedere documenti anche dopo decenni. (La Legge per Tutti)

LEGGI ANCHE > > > Decreto Sostegni, il taglio alle cartelle esattoriali c’è ma qualcuno resta fuori. Cartelle esattoriali, si ricomincia: ecco gli avvisi bonari in arrivo. Va ricordato, comunque, che per tutto il 2021 e fino a inizio 2022, si procederà con una ripresa graduale degli invii. (ContoCorrenteOnline.it)

Come spiegato dall’Agenzia, nella falsa mail si parla di incoerenze emerse durante la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva inviata dal contribuente alle Entrate. Il consiglio dell’ente è quello di cestinare la mail, qualora fosse stata ricevuta, senza aprire alcun allegato (Ck12 Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr