Tempesta Omicron, farmacie oberate: file per tamponi di fine quarantena e vendite. "E' un periodo di sofferenza"

Tempesta Omicron, farmacie oberate: file per tamponi di fine quarantena e vendite. E' un periodo di sofferenza
ForlìToday INTERNO

Stiamo attraversando un periodo di sofferenza, ma lo stesso vale anche per altre attività commerciali ed imprenditoriali.

Per le farmacie si tratta di un ulteriore carico di lavoro, aggravato anche dall'assenza di personale per malattia.

Da lunedì scorso è possibile effettuare i tamponi rapidi in farmacia per porre termine al periodo di isolamento o quarantena, con costo a carico del servizio sanitario. (ForlìToday)

La notizia riportata su altri media

Con un nuovo portale web e con un accordo con le farmacie di tutta la regione, in Emilia-Romagna a regime è possibile controllare tutta la procedura del contagio da soli, senza attendere certificati da enti terzi (Ausl su tutti). (BolognaToday)

«Se qualcuno si è ammalato effettuando dei test, forse, non è stato scrupoloso come avrebbe dovuto», conclude D'altra parte, l'elevato numero di richieste di test rende la figura del farmacista sicuramente molto richiesta, ma anche potenzialmente a rischio. (Ticinonline)

Noi farmacie abbiamo bisogno di rallentare e aspettare per trovare insieme all’Ausl un metodo di gestione informatica per tutte le prenotazioni dei tamponi di fine quarantena. Di fronte alla proposta lanciata dalla Regione, che invitava tutte le farmacie sul territorio a raccogliere le prime prenotazioni di tampone di fine quarantena già da lunedì, associazioni provinciali. (il Resto del Carlino)

Le farmacie alla prova dei tamponi: "Reggeremo l’urto"

Il nostro obiettivo, nella tutela delle farmacie stesse, è quello di far gestire a loro la chiusura della quarantena attraverso i tamponi. Preferiamo che siano loro a occuparsi di tutti i casi asintomatici che aspettano di decretare la fine della quarantena con un tampone (il Resto del Carlino)

In settimana Ausl e farmacie proporranno una nuova organizzazione per affrontare la crescente richiesta di tamponi di fine quarantena. Noi farmacie abbiamo bisogno di rallentare e aspettare per trovare insieme all’Ausl un metodo di gestione informatica per tutte le prenotazioni dei tamponi di fine quarantena". (Redacon)

Dobbiamo infatti in ogni modo evitare che il contatto avvenga proprio in farmacia; per questo rinnoviamo l’invito a tutti i cittadini a non venire in farmacia se si è sintomatici. (ModenaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr