Crypto: Inflazione USA spinge Bitcoin | È ripartita la bull run?

Crypto: Inflazione USA spinge Bitcoin | È ripartita la bull run?
Criptovaluta.it ECONOMIA

L’inflazione e Powell danno una mano al settore. Degli effetti del discorso di Jerome Powell ieri ne abbiamo già abbondantemente parlato.

Ma quel che è emerso piuttosto chiaramente ieri è che in realtà lo spazio di Powell non è poi così ampio.

Come sempre un’accelerata intensa in termini di innalzamento dei tassi potrebbe avere effetti compressivi sulla possibile corsa del gruppo.

E che se $BTC e compagnia rimarranno legati anche all’andamento dei mercati azionari, potrebbero avere l’ombrello che stavano cercando da anni

Parliamo, a conti fatti, dell’inflazione più alta che gli USA si trovano ad affrontare da 40 anni a questa parte anno su anno. (Criptovaluta.it)

La notizia riportata su altri media

L'aspettativa è che il picco nella variazione annua arrivi sopra il 7% a gennaio, per poi rallentare. Oggi, nella serata italiana, è anche prevista la diffusione del Beige book della Fed che potrebbe contenere altri elementi sul tema (La Repubblica)

È probabile che la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse quattro volte quest’anno. Se non lo sei ma vuoi comunque sfruttare il trend del mercato puoi delegare qualcun altro al posto tuo (Dove Investire)

Jefferies Financial scivola del 10,55% dopo aver mancato le stime per gli utili e i ricavi del quarto trimestre. Tra gli altri titoli, Biogen crolla del 9,4%, zavorrando l'indice healthcare dell'S&P 500, che è in calo dello 0,4%. (Yahoo Finanza)

L’inflazione Usa sale al 7%, il valore più alto dal 1982. Si avvicina la stretta sui tassi della banca…

In questo senso stiamo posizionando i nostri portafogli quindi con una duration molto molto bassa e un’esposizione azionaria consistente cercando di andare a cogliere i temi vincenti tempo per tempo” C’è pero la speranza che il picco dell’inflazione sia vicino, come hanno fatto notare anche alcuni economisti intervistati dalla Cnbc. (Finanzaonline.com)

Reuters. Di Alessandro Albano. Investing.com - Reazione positiva quella di Wall Street al dato sull'inflazione statunitense, dopo che ad inizio settimana il ha toccato il -10% dai massimi storici di novembre dopo il -2% nella sola seduta di lunedì scivolando in territorio di correzione. (Investing.com)

L’inflazione statunitense è salita in dicembre al 7%, il valore più alto da 40 anni. In dicembre gli stipendi reali (ossia tenendo conto dell’inflazione) sono diminuiti del 2,4% rispetto all’anno prima (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr