Vaccinare gli insegnanti, questione di privacy: quanto manca il senso pratico

Vaccinare gli insegnanti, questione di privacy: quanto manca il senso pratico
Il Messaggero Veneto SALUTE

Che gli insegnanti si potessero rivolgere alle segreterie delle scuole e che poi queste provvedessero a informare l’assessorato alla Sanità e, magari, farsi vaccinare negli istituti, è sembrato troppo efficiente.

La Regione non ha competenza primaria, non ancora, sulla scuola e deve, pertanto, soggiacere alle disposizioni statali

È mancato un po’ di senso pratico che avrebbe permesso di accorciare i tempi e aiutare la scuola a continuare con più sicurezza le lezioni in presenza. (Il Messaggero Veneto)

Se ne è parlato anche su altri giornali

“Parte una nuova fase, oggi lo possiamo considerare il Vaccine day della scuola, il primo dei nostri servizi essenziali, e per questo dobbiamo fare in modo che il personale rientri in classe con estrema tranquillità. (AcquavivaLive.it)

L'azienda sanitaria locale è la prima in Campania che, nella giornata di oggi, firmerà un accordo con i principali sindacati di categoria. L'accordo prevede l'individuazione di 30 siti vaccinali di concerto tra l'Asl Napoli 3 Sud e i sindaci di 30 comuni di competenza della stessa Asl. (NapoliToday)

Sembrerebbe sbloccarsi l’accordo con i medici di base mentre la Calabria continua ad accumulare ritardi e non ha ancora predisposto un piano. Siamo noi poi a convocare via via, gruppi di persone al più vicino centro vaccinale. (Quotidiano online)

Vaccini agli over 80, accordo con i medici in arrivo ma in Calabria resta il caos. "Fate presto"

Partiremo con vaccino AstraZeneca". Le prenotazioni sono scaglionate per fasce di età secondo il seguente calendario: 45-55 anni dal 18 febbraio; 35-44 anni dal 22 febbraio; under 34 anni dal 26 febbraio. (LatinaToday)

Partono domani a Napoli le vaccinazioni del personale scolastico. Per i docenti più anziani si attende il via libera per ampliare l'Astrazeneca fino agli under 65, mentre per chi ha malattie croniche verranno probabilmente usati altri vaccini (La Repubblica)

Il rischio di rimanere senza vaccini. Del problema nel Lazio si è parlato durante un dibattito online sulla scuola organizzato dal PD di Roma. Quanto ai prof residenti nel Lazio che invece lavorano in altre regioni “le loro vaccinazioni verranno eseguite perchè sono assistiti nel Lazio”, ha detto l’assessore. (Tecnica della Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr