Bonus sanificazione e dpi, il codice tributo da inserire nel modello F24

Informazione Fiscale Informazione Fiscale (Economia)

I dettagli nella risoluzione numero 52 del 14 settembre 2020.

“6917” denominato “CREDITO D’IMPOSTA SANIFICAZIONE E ACSTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE – articolo 125 del decreto-legge 19 maggio. 2020, n.

Bonus sanificazione e dpi, dalle Entrate il codice tributo da inserire nel modello F24. A distanza di pochissimi giorni dal provvedimento che ha indicato la percentuale da utilizzare per verificare a quanto ammonta effettivamente il credito di imposta richiesto, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo da inserire nel modello F24 per utilizzare in compensazione il bonus sanificazione e dpi. (Informazione Fiscale)

Su altre fonti

52/E/2020 ha istituito il codice tributo:. - 6917 - Credito d'imposta sanificazione e acquisto dispositivi di protezione - articolo 125 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34. del 2020 l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione. (Ipsoa)

Il credito di imposta per la le spese di sanificazione e l'acquisto di dispositivi di protezione individuale riduce il contributo al 9%. Il credito d'imposta può essere utilizzato dai beneficiari fino all'importo massimo fruibile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta di sostenimento della spesa oppure in compensazione. (Italia Oggi)

I dati personali sono gestiti da FISCOeTASSE ai sensi ai sensi della legge 196/2003. Ti invieremo le newsletter alla quali deciderai di iscriverti, e potremo periodicamente inviarti anche e-mail promozionali nostre e di terzi. (Fiscoetasse)

Cliccando sul pulsante esprimi l trattamento dei dati personali Non comunicheremo mai a nessuno il tuo indirizzo e-mail. (Fiscoetasse)

Ecco perchè. ROMA — Il cosiddetto bonus sanificazione introdotto dal decreto Rilancio, ovvero il credito d'imposta destinato alle imprese che nel 2020 hanno investito per sanificare le loro sedi e adottare altre misure anti-Covid, in realtà non equivale al 60% delle spese sostenute come previsto dal decreto ma appena al 9,3%. (Toscana Media News)

Si tratta quindi di una chance in più per i contribuenti che sono chiamati con la prossima scadenza del 16 settembre alla ripresa dei versamenti sospesi in occasione dell’emergenza Covid per cercare di ridurre l’esborso finanziario. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr