Terapia delle leucemie con cellule CAR-T: primi tre bambini trattati con successo - Tecnomedicina

Terapia delle leucemie con cellule CAR-T: primi tre bambini trattati con successo - Tecnomedicina
Tecnomedicina SALUTE

I tre bambini sono stati trattati con le cellule geneticamente modificate prodotte presso l’Officina Farmaceutica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma attraverso un sistema automatizzato, sviluppato nell’ambito del progetto CAR-T Italia.

Sono stati trattati con successo i primi tre bambini sottoposti in Italia alla terapia con cellule CAR-T ottenute a fresco, grazie a una innovativa produzione automatizzata. (Tecnomedicina)

Ne parlano anche altre testate

«Come coordinatore del Progetto e responsabile del gruppo dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG) sono particolarmente felice per questo risultato (HealthDesk)

Successo per la terapia con cellule Car-T su tre bambini. I tre bambini sono stati trattati con le cellule geneticamente modificate prodotte presso l’Officina Farmaceutica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG) di Roma attraverso un sistema automatizzato, sviluppato nell’ambito del progetto CAR-T Italia (L'Occhio)

La terapia consiste nell’ingegnerizzazione del sistema immunitario del paziente, un processo che permette ai linfociti T di riconoscere e combattere le cellule tumorali Sono convinta che sia importante spiegare cosa la scienza può fare, con informazioni chiare e veritiere, perché dall’informazione possa nascere maggiore consapevolezza e fiducia. (Padova News)

Tumori: primi tre bambini curati con successo grazie a progetto Car-T Italia

Come quello che, proprio oggi, ha portato all’annuncio dei primi tre bimbi con leucemia trattati con successo in Italia grazie alle Car-T. A inaugurare il nuovo hub è il canale tematico Car-T YOU, dedicato alla terapia cellulare Car-T, tra i trattamenti più avanzati nella lotta ai tumori. (Fortune Italia)

Il successo nel trattamento dei primi tre piccoli pazienti affetti da leucemia conferma la bontà della strada intrapresa dal Parlamento e dal Governo nel sostenere, attraverso importanti finanziamenti, la ricerca scientifica e le terapie avanzate, per offrire maggiori possibilità di cura e guarigione, ma soprattutto la speranza, al maggior numero di malati oncologici”, conclude. (Quotidiano Sanità)

Su uno dei tre bambini aveva addirittura fallito anche una procedura di trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche, ricorda il ministero. I tre bambini sono stati trattati con le cellule geneticamente modificate prodotte dall’Officina farmaceutica dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma attraverso un sistema automatizzato, sviluppato nell’ambito del progetto Car-T Italia (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr