Jova Beach sotto attacco, il cantante: «Critiche da eco-nazisti, il tour tiene conto dell'ambiente e non ci sono lavoratori in nero»

Jova Beach sotto attacco, il cantante: «Critiche da eco-nazisti, il tour tiene conto dell'ambiente e non ci sono lavoratori in nero»

Jova Beach sotto attacco, il cantante: «Critiche da eco-nazisti, il tour tiene conto dell'ambiente e non ci sono lavoratori in nero». Lo sfogo di Jovanotti su Instagram contro le accuse che parlano di un “ecologismo di facciata” e spiega che nel suo staff non ci sono lavoratori con contratti irregolari o inesistenti

(La Nuova Sardegna)

Se ne è parlato anche su altre testate

Jova Beach Party nel mirino. APPROFONDIMENTI Jova Beach Party nei guai: scoperti 17 lavoratori in nero e falle nella sicurezza. (corriereadriatico.it)

Ultimi ritocchi al piano per la sicurezza e l’ordine pubblico varato in occasione delle due date del ‘Jova Beach Party’ con il coordinamento della Prefettura. Il raccordo operativo sarà assicurato attraverso la sala controllo all’Hotel Royal di Lido di Fermo (il Resto del Carlino)

Sono stati 55 i lavoratori di cui sono state acquisite sommarie informazioni: di questi, 17 – sia italiani che stranieri – erano in nero. Durante l’accesso, sono emersi anche elementi per contestare a tre ditte, nel settore dell’allestimento delle luci, provvedimenti di somministrazione illecita di manodopera (il Resto del Carlino)

Jovanotti, al Beach Party niente lavoro nero né greenwashing ROMA

In più a tre ditte operanti nel settore luci è stata contestata la somministrazione illecita di manodopera, in relazione alle quali saranno emanati i relativi provvedimenti. Dall'Ispettorato fanno sapere che la finalità ultima dei controllo è la messa in regola dei lavoratori in nero (Today.it)

Niente lavoro in nero al Jova Beach Party né greenwashing: in diretta Instagram, dal lido di Fermo, Jovanotti respinge accuse e sospetti, dopo il blitz del 3 agosto dell'ispettorato del lavoro, e replica anche a chi punta il dito sui rischi per l'ecosistema. (Sky Tg24 )

E poi aggiunge: "Il Jova Beach non è un progetto 'greenwash', parola che mi fa cagare, ma un lavoro fatto bene" "Il lavoro nero per me è una piaga enorme, una cosa molto seria", sottolinea accanto a Maurizio Salvadori della Trident, e parla di "killeraggio" da parte di cui ha diffuso notizie "nella serata di ieri, per non darci tempo di replicare". (RagusaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr