Gallura, obbligo del green pass per i lavoratori, code nelle farmacie e dubbi

Gallura Oggi INTERNO

Da domani 15 ottobre scatta l’obbligo del green pass, che sarà esteso per tutti i lavoratori, fino al 31 dicembre, data fissata come termine dello stato di pandemia.

Le perplessità ci sono, ovvero bisogna evitare che il controllo del green pass venga lasciato alla discrezione del datore di lavoro.

Il green pass è uno strumento, che in prospettiva ci dà la possibilità di tenere aperte numerose attività, ma non è la soluzione. (Gallura Oggi)

La notizia riportata su altri media

Con l'approssimarsi della deadline fissata per oggi, giorno nel quale scatta l'obbligo per i lavoratori, i numeri dei green pass scaricati con il tampone hanno iniziato a lievitare. Due giorni fa, il 13, sono stati scaricati 563.186 green pass, di questi 369.415 in seguito a un tampone. (ilGiornale.it)

In 78 hanno aderito al protocollo Figliuolo per i tamponi da 15 euro. Per i maggiorenni costo pieno di 15 euro. (La Provincia Pavese)

Si sa per certo che non è questa la soluzione ad una situazione che non è destinata a durare solo qualche giorno” Pubblicità Pubblicità. Tra i sanitari non vaccinati sono 120 i sospesi mentre ad altri 400 è stato inviato l’invito ad immunizzarsi. (la VOCE del TRENTINO)

“Il prezzo è già calmierato a 15 euro – raccontano dalla farmacia Calò – con un prezzo massimo imposto dallo Stato. “Ma dai 15 euro, prezzo massimo possibile stabilito per legge – spiegano -, il singolo tampone non può scendere sotto i 13 euro 50, con un piccolo sconto sul prezzo totale. (BariToday)

(LaPresse) – “Il sistema tamponi, al momento, sta tenendo: alle 13.00 ne risultavano effettuati circa 200mila, contro i 100mila di ieri”. Roma, 15 ott. (LaPresse)

In provincia di Savona a preoccupare sono le possibili ripercussioni che potrebbero esserci per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, la raccolta rifiuti, l’autotrasporto e il traffico in porto. (IVG.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr