Processo George Floyd, il medico davanti al giudice: “Morto per asfissia, non per overdose”

Processo George Floyd, il medico davanti al giudice: “Morto per asfissia, non per overdose”
Fanpage.it ESTERI

Secondo i medici, il medicinale era stato metabolizzato: non vi sarebbe stata quindi nessuna overdose

Nel corso del processo riguardante la morte dell'afroamericano assassinato da un poliziotto durante l'arresto, è stata analizzata nuovamente la testi difensiva dei legali di Chauvin.

Floyd, secondo quanto sostengono gli avvocati, sarebbe morto a causa del Fentanil, farmaco analgesico oppioide sintetico. (Fanpage.it)

La notizia riportata su altre testate

L'esperto: morto per soffocamento George Clooney interviene con un'email inviata al legale della vittima. (Rai News)

Meno di dieci minuti che hanno modificato il corso della storia recente degli Stati Uniti. Da allora è passato molto tempo, ma questo non significa che - se dovesse decretare l’innocenza dell’imputato - il verdetto del processo Chauvin sarebbe accettato più facilmente, soprattutto di fronte a prove così schiaccianti. (L'HuffPost)

“George Floyd è morto per asfissia”

George Floyd è morto per asfissia e non per un overdose di fentanyl, come sostenuto dalla difesa dell’agente Derek Chauvin. Circa tre minuti prima che Chauvin togliesse il ginocchio dal collo di Floyd, ha spiegato Tobin, “non era più rimasto un grammo di ossigeno nel suo corpo”. (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr