Covid: in Friuli Venezia Giulia al momento solo variante inglese

Covid: in Friuli Venezia Giulia al momento solo variante inglese
Telefriuli SALUTE

Questa sera, alle 19.45, a Screenshot, l' intervista integrale a Pierlanfranco D’Agaro, direttore della struttura di Asugi dove vengono analizzate le varianti del Covid, al momento in regione è presente solo la variante inglese e l’appello è quello ad usare prudenza nonostante ci sia stata una riduzione delle limitazioni con il passaggio in zona gialla

(Telefriuli)

La notizia riportata su altri giornali

I dati in nostro possesso dicono in maniera inconfutabile che ad oggi gli ultraottantenni che hanno già ricevuto la prima dose sono 75.467, pari al 97,2 per cento di coloro che hanno aderito alla campagna. (TriestePrima)

In compenso si riduce ulteriormente l’incidenza: i casi ogni centomila abitanti scendono sotto 100, mentre una settimana fa si attestavano a 117. In significativo calo i casi riportati (-23%), ma scende anche il numero dei tamponi positivi (dall’8,1% al 7,1%). (Il Friuli)

In consiglio regionale si è discusso ancora di vaccinazioni effettuate dai medici di medicina generale. Dalla stessa struttura commissariale è giunto il via libera per la ripresa delle somministrazioni a chi ha meno di 60 anni e rientra nelle categorie prioritarie. (TGR – Rai)

12.44 / Covid in Fvg, i numeri restano da zona gialla

Sul fronte del sistema sanitario sono emersi tre contagi: un operatore tecnico e un infermiere in Asugi, un odontoiatra nell'Azienda Friuli Occidentale. La Regione, nel comunicare l’intoppo, precisa dunque che i dati di giornata sono parziali sia sui tamponi eseguiti che sui nuovi positivi. (Il Piccolo)

Parallelamente potranno prenotare la vaccinazione alcune delle categorie precedentemente bloccate da un provvedimento della gestione commissariale, mentre tutti i cittadini che hanno la prima somministrazione prenotata dopo la fine di maggio possono chiedere di anticipare la vaccinazione". (TriestePrima)

I decessi registrati sono 5 a cui si somma uno pregresso, i ricoveri nelle terapie intensive restano stabili a 32 mentre si riducono quelli in altri reparti che risultano essere 264. I ricoveri nelle terapie intensive restano stabili a 32 mentre si riducono quelli in altri reparti che risultano essere 264. (Il Piccolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr