Veneto zona arancione: scuola, le regole sugli spostamenti e sui negozi

Corriere della Sera SALUTE

- Seconde case: ci si può andare solo se non è stata affittata, non si possono invitare amici e parenti.

- Scuole: riaprono tutti i servizi per l’infanzia come l’asilo nido e la scuola materna

Jogging nel parco pubblico (archivio). - Spostamenti: all’interno del proprio comune, ci si può spostare senza autocertificazione.

Chiusi in zona rossa, dal 6 aprile riaprono parrucchieri, barbieri, estetisti e gli altri servizi alla persona. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altre fonti

L'indice Rt si mantiene infatti inferiore ad 1, anche se l'attenzione resta alta in vista del prossimo monitoraggio dell'Iss che sarà di venerdì 9 aprile prossimo. L'indice Rt sotto quota 1 nel Lazio. L'indice Rt nel Lazio si mantiene a 0.98, ossia appena sotto la soglia di guardia a quota 1. (RomaToday)

Dalla giornata di martedì 6 aprile il Veneto è ufficialmente diventato zona arancione, dopo un lungo periodo trascorso in area rossa. Prima di ricapitolare le varie disposizioni, vale forse la pena chiedersi fino a quando durerà la zona arancione in Veneto. (VeronaSera)

Dalle 18 alle 22, invece, la vendita sarà vietata a chi svolge l’attività di bar senza servizio di cucina. Stesse regole anche per i ristoranti, che potranno lavorare esclusivamente attraverso l’asporto e la consegna a domicilio. (il Resto del Carlino)

Zona arancione regole e divieti: cosa si può fare e come funziona

Riaprono, quindi, alcune attività al dettaglio e ci sarà la possibilità di muoversi all'interno del proprio Comune di residenza senza autocertificazione, ma comunque rispettando il coprifuoco. Gli spostamenti verso altri Comuni sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute; ad ogni modo è sempre possibile rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione o rientrare dalle seconde case ubicate all'intero o fuori il territorio regionale. (VeneziaToday)

Da oggi, martedì 6 aprile, il Veneto torna ufficialmente in zona arancione. Sarà possibile attestare la legittimità dello spostamento mediante autodichiarazione, che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e alle polizie locali (VeneziaToday)

Torna la zona arancione dopo il lockdown di Pasqua: significa che si può circolare liberamente all’interno del proprio Comune, senza motivo e senza autocertificazione. Parrucchieri, barbieri e centri estetici. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr