F1, impresa di Verstappen a Budapest: ha fatto una cosa clamorosa

F1, impresa di Verstappen a Budapest: ha fatto una cosa clamorosa
Altri dettagli:
TuttoMotoriWeb.it SPORT

Queste le parole dell’italiano riportate da “RacingNews365“, che sottolineano la bravura di Verstappen anche nelle situazioni in cui commette un errore

Com’è ovvio che sia, stiamo parlando di Max Verstappen e della Red Bull, i dominatori assoluti di queste prime tredici gare, che ora potranno gestire un vantaggio enorme per il resto della stagione.

Il mondiale di F1 targato 2022 ha ormai un campione del mondo per quanto riguarda i piloti ed una regina per i costruttori. (TuttoMotoriWeb.it)

Ne parlano anche altre testate

La sintesi della gara è in questa scelta, quella che più o meno ha fatto la Mercedes con meno sfacciataggine: Russell rosse-gialle-gialle, Hamilton gialle-gialle-rosse. A dargli una mano era il suo muretto box, impeccabile nella scelta delle gomme e nelle chiamate per i pit. (ilgazzettino.it)

Mattia Binotto è finito sul bancone degli imputati per come stia guidando la scuderia, anche sul piano della comunicazione. In sostanza, in Ferrari, tante cose andrebbero riviste per cercare di disputare una seconda parte di annata con meno rimpianti, anche se ormai il titolo mondiale è distante anni luce (OA Sport)

La scelta delle gomme dure, ma anche quella di coprire Verstappen con Leclerc. Abbiamo giocato di squadra con Perez, abbiamo fatto passare Max per portarlo alle spalle di Leclerc e poi ha fatto il sorpasso. (Motorsport.com Svizzera)

F1 Affidabilità intermittente, errori strategici, piloti liberi di sfidarsi

Senza errori dei box, dei piloti e con una certa affidabilità, il bilancio avrebbe infatti potuto essere decisamente diverso. Il problema è che più passavano le gare più ci rendeva conto del potenziale della SF 75 e le ambizioni crescevano. (Ticinonline)

A suo parere è decisamente concreta la possibilità di una doppietta al termine della stagione. La Ferrari è anche molto indietro rispetto alla Red Bull nel Campionato Costruttori: il divario è di 97 punti (Sportal)

Il quarto posto di Sainz e il sesto di Leclerc sembrano infatti aver abbattuto il sogno mondiale, soprattutto dopo quanto Verstappen e Red Bull hanno mostrato all’Hungaroring. Autore: Chiara Zambelli – @chiarafunoat. (FUNOANALISITECNICA)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr