Rottamazione ter e saldo e stralcio, decadenza più lontana con le novità del Decreto Fiscale

Informazione Fiscale INTERNO

Rottamazione ter e saldo e stralcio, il Decreto Fiscale 2022 allontana l'ipotesi di decadenza dai benefici.

Pagamento cartelle esattoriali, decadenza più lontana con le novità del Decreto Fiscale. Non è, però, l’unica novità contenuta nel testo che punta ad evitare la decadenza dei benefici per i contribuenti che sono in difficoltà con i pagamenti

Rottamazione ter e saldo e stralcio, decadenza più lontana con le novità del Decreto Fiscale. (Informazione Fiscale)

Su altri giornali

Il Consiglio dei Ministri di oggi 15 ottobre ha approvato un decreto legge nel cui Titolo I sono contenute diverse importanti misure in materia fiscale. Ti invieremo gratuitamente la nostra famosa rassegna fiscale, e ogni tanto ti segnaleremo e-book, software e circolari che potrebbero interessarti. (Fiscoetasse)

L’articolo 2 stabilisce invece che le cartelle esattoriali notificate dal primo settembre 2021 al 31 dicembre 2021 possono essere pagate in 150 giorni anziché 60. L’articolo 2 stabilisce invece che le cartelle esattoriali notificate dal primo settembre 2021 al 31 dicembre 2021 possono essere pagate in 150 giorni anziché 60 (Quotidiano di Ragusa)

Gli eventuali pagamenti anticipati rispetto al 31 ottobre non sarebbero rimborsati qualora il debito risultassero nel condono delle “microcartelle”. Ma oltre la rottamazione c'è di più per chi ha debito con l’erario, l’Inps o i Comuni (Il Sole 24 ORE)

Dl Fisco, rateizzazione cartelle, rottamazione-ter, saldo e stralcio. Che, se non pagate, determinano la decadenza dalla rateizzazione concessa. Dl Fisco, rateizzazione cartelle, rottamazione-ter, saldo e stralcio. (Blitz quotidiano)

Pertanto il provvedimento interviene, in primo luogo, con modifiche al Decreto legislativo 81/2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Quarantena. È previsto il rifinanziamento per le misure adottate al fine dell’equiparazione della quarantena per Covid 19 alla malattia. (Noi Notizie)

In particolare, potranno essere versate entro il 30 novembre 2021 le rate in scadenza nel 2020 e in scadenza dal 28 febbraio al 31 luglio 2021. Il Fondo assegno universale e servizi alla famiglia è incrementato di sei miliardi di euro annui a decorrere dall’anno 2022. (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr