Estorsione, usura e minacce, quattro arresti a Palermo, tra le vittime Marco Baldini (VIDEO) (FOTO)

Estorsione, usura e minacce, quattro arresti a Palermo, tra le vittime Marco Baldini (VIDEO) (FOTO)
BlogSicilia.it INTERNO

Nei confronti di Achille Cuccia, 61 anni, è stata invece applicata la misura del divieto di dimora nel territorio del Comune di Palermo.

Lo dice Gianluca Angelini, comandante del Nucleo di polizia economico-finanziaria in merito all’operazione Tonsor che ha portato in carcere quattro indagati accusati di usura ed estorsione

Operazione della Guardia di Finanza. Operazione Tonsor della guardia di finanza di Palermo. (BlogSicilia.it)

Ne parlano anche altre fonti

Sono cosi scattati i sigilli per un noto ristorante nel quartiere capo di Palermo, una moto e conti correnti Nei confronti di A.C., 61 anni, invece, è stato applicato il divieto di dimora nel territorio del Comune di Palermo. (Yahoo Finanza)

Per loro c'è la possibilità di accedere a importanti forme di sostegno economico grazie ai fondi previsti per le vittime di usura" Nei confronti di Achille Cuccia è stata invece applicata la misura del divieto di dimora nel territorio del comune di Palermo (Rai News)

A cominciare dalla collaborazione, e soprattutto amicizia, con Fiorello, interrotta proprio a causa della sua ludopatia. Si chiama gioco d’azzardo il problema di Marco Baldini che gli ha condizionato la vita e soprattutto la carriera. (Corriere del Mezzogiorno)

"Ti rompiamo le corna". Le minacce degli usurai a Baldini

Ecco le intercettazioni Sono alcune delle intercettazioni della banda di usurai al centro dell’operazione della guardia di finanza di Palermo che ha portato a misure cautelari per 5 persone che operavano tra il capoluogo siciliano e Roma. (Il Fatto Quotidiano)

L’inchiesta è stata condotta dal Nucleo di polizia economico - finanziaria di Palermo, diretto dal colonnello Gianluca Angelini. Ai prestiti sarebbero stati applicati tassi di interesse che sarebbero arrivati fino al 140% annuo. (La Sicilia)

Il conduttore radiofonico era finito nella rete degli strozzini, vittima anche di intimidazioni e minacce per il mancato rimborso dei 60mila euro che aveva chiesto alla banda. Uno degli indagati, al telefono, fa il punto su quante migliaia di euro Marco Baldini dovesse ancora restituire al capo della banda, Cillari, fratello di un boss ergastolano. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr