Recovery Plan, Musumeci a Draghi: "Regioni coinvolte in ritardo, fino ad ora metodo sbagliato"

Recovery Plan, Musumeci a Draghi: Regioni coinvolte in ritardo, fino ad ora metodo sbagliato
La Repubblica INTERNO

"Vero è che il sistema Italia è diviso in due poli - ha proseguito il governatore siciliano - ma l'uno ha bisogno dell'altro e senza infrastrutture materiali e immateriali si condannano i territori del Meridione alla povertà".

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, nel corso del suo intervento durante la Conferenza unificata Stato-Regioni sul Recovery plan con la presenza del premier Mario Draghi e la partecipazione di numerosi ministri e dei rappresentanti di Anci (Comuni) e Upi (Province). (La Repubblica)

Su altri media

Accanto a questa struttura di coordinamento, agiscono una struttura di valutazione e una struttura di controllo. Le Regioni supervisionano i progetti gestiti dagli enti locali e si assicurano che siano coerenti con le altre politiche regionali di sviluppo. (L'HuffPost)

Non ci si aspetti dai governatori del Sud una condotta approntata a sterile rivendicazionismo, un atteggiamento da piagnoni lamentosi e accattoni". "Ho contestato il ritardo con il quale le Regioni sono state coinvolte nel confronto con il Governo centrale per l'utilizzo dei fondi del Recovery plan, nel metodo e nel merito. (PalermoToday)

Crisi Covid, una parrucchiera scrive a Draghi: «Mi sento umiliata»

Lo sa cosa vuol dire lavorare con 12 kg in più sulla schiena, sempre in piedi? Parlo anche a nome di tutti i colleghi del settore e a nome di tutte le attività. (Primo Piano Molise)

Gli enti territoriali partecipano alle strutture di sorveglianza del piano e contribuiscono alla sua corretta attuazione In questo disegno, gli enti territoriali hanno dunque quattro funzioni: Regioni ed enti locali hanno la responsabilità attuativa delle misure loro assegnate. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr