Covid Bari, la terza ondata dilaga. Allarme terapie intensive: molti 40enni ricoverati e pochi anestetisti

Covid Bari, la terza ondata dilaga. Allarme terapie intensive: molti 40enni ricoverati e pochi anestetisti
Il Quotidiano Italiano - Bari INTERNO

La terza ondata non dà tregua alla Puglia, ma soprattutto alla provincia di Bari.

Il Policlinico di Bari ha attivato ulteriori 14 posti letto di Rianimazione Covid all’interno della struttura per le maxi emergenza nella Fiera del Levante

Le terapie intensive non si svuotano, anche ieri la Puglia è stata con 31 nuovi ingressi la seconda peggiore regione italiana, alle spalle solo della Lombardia.

I posti letto per i pazienti covid scarseggiano sempre di più con il passare delle ore. (Il Quotidiano Italiano - Bari)

La notizia riportata su altre testate

Covid: Il collega Ninni Cannella lotta in terapia intensiva. Il nostro amico e collega Ninni Cannella, storico fotografo del Taranto, oggi dirigente del San Severo, ha appena cominciato la sua battaglia con il covid. (Blunote)

Poi si è augurato che non ci siano sorprese su AstraZeneca e il verdetto “liberatorio” di Ema ha messo fine a tutte le preoccupazioni. Il dottor Paolo Rosi invita alla massima cautela, altrimenti c’è il rischio di ridurre ulteriormente l’attività delle chirurgie e anche i punti nascita negli ospedali. (Il Mattino di Padova)

Il giornalista Piero Pasini racconta la sua battaglia contro il Covid, combattuta su un letto dell'ospedale Bufalini. Per fortuna oggi può raccontare come ha sconfitto quello che definisce "un verme viscido". (CesenaToday)

Terza ondata di Covid in Veneto: in terapia intensiva il 75 per cento dei pazienti ha meno di 80 anni

«Diminuiscono i casi e i ricoveri, mentre aumentano le terapie intensive e i decessi. Dopo la zona rossa disposta per il weekend lungo di Pasqua, il Lazio torna in arancione. (Corriere della Sera)

Un dato in crescita perché cresce il numero dei posti letto occupati. Sui mille posti letto disponibili, attualmente ne abbiamo attivati 659. (TrevisoToday)

Le previsioni fatte con l’Università di Padova dicono che tra otto giorni rischiamo di arrivare al picco di dicembre sul fronte dell’occupazione dei letti in terapia intensiva. VENEZIA. Il coordinatore delle terapie intensive del Veneto, Paolo Rosi, scatta la fotografia della terza ondata pandemica in Veneto. (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr