Maltempo: protezione civile in azione in Val di Fassa

Maltempo: protezione civile in azione in Val di Fassa
Ufficio Stampa INTERNO

Sotto osservazione una serie di situazioni, in particolare l’ingrossamento di alcuni corsi d’acqua che hanno causato smottamenti e erosione di argini.

La situazione è in evoluzione.

Comunicato 2409. Maltempo: protezione civile in azione in Val di Fassa. L’allerta meteo annunciava la possibilità di violente perturbazioni in giornata, cosa che si è verificata in Val di Fassa dove sono in corso le attività della protezione civile, in particolare i settori dei vigili del fuoco, dei forestali, bacini montani e geologi, assieme ai tecnici del servizio gestione strade. (Ufficio Stampa)

Su altri media

Evacuato un albergo, a San Martino in Badia quasi 100 millimetri di pioggia in un'ora. Violenti temporali in Alto Adige: frane, strade chiuse e danni in diverse località. (l'Adige)

Nessun problema particolare a Moena ad eccezione di un cantiere della Provincia su cui si è deciso di intervenire domani. A Mazzin di Fassa si è reso necessario chiudere la strada statale per esondazione dei corsi d’acqua limitrofi, ed anche la strada per Gardeccia ha fatto segnalare alcuni cedimenti. (agenzia giornalistica opinione)

A San Vigilio di Marebbe sono stati danneggiati alcuni ponti. La situazione sulle strade. In seguito alle frane è stato necessario chiudere diverse strade. (ladigetto.it)

Maltempo, frane e strade chiuse in Trentino: l’ondata di fango distrugge un ponte in un attimo

Le persone evacuate trascorreranno la notte nel Centro della Protezione civile e nelle palestre. Fleres, Valdaora, Val Badia, San Vigilio, Anterselva, Cengles, Val Martello e Brunico le zone più colpite. (Trentino)

Anche in Alto Adige sono stati decine gli interventi dei vigili del fuoco per la messa in sicurezza di strade e abitazioni, anche per via degli alberi abbattuti dal vento. In val Badia sono caduti oltre 90 litri di pioggia al metro quadro in poco tempo e numerose strade sono chiuse (Trentino)

Paura soprattutto in Val di Fleres, l’ultima valle italiana prima del confine italo-austriaco del Brennero: nel pomeriggio una colata di fango alta oltre due metri, causata proprio da un violento temporale, ha raggiunto il villaggio di Sant’Antonio. (Corriere TV)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr