Europeo, riapre l'Olimpico: finalmente siamo liberi di tifare

Europeo, riapre l'Olimpico: finalmente siamo liberi di tifare
ilmessaggero.it SPORT

Torna lo stadio, tornano le piazze con gli schermi, tornano i raduni in casa, torna soprattutto la gioia di vivere

Ma anche se non andasse così, certamente questi Europei passeranno alla storia come il grande e agognato momento del ritorno del pubblico italiano allo stadio.

Si torna allo stadio ma anche (dal 14 giugno, probabile zona bianca diffusa) si tornerà a formare gruppi d’ascolto, altro pilastro basico della socialità. (ilmessaggero.it)

Su altre testate

In ritardo di un anno a causa della pandemia, venerdì 11 cominciano gli Europei di calcio. L'interesse dei fan verso i giocatori sconfina spesso nella vita privata di questi ultimi. (Style)

"Uniti sotto un unico cielo azzurro - conclude -, con indosso la maglia azzurra, stringiamoci in un unico coro che unisce più di 60 milioni di italiani: FORZA AZZURRI! La lettera di Mancini ai tifosi. "Onoreremo ogni minuto, scenderemo in campo con la spensieratezza di quando si è ragazzini e si comincia a giocare a calcio, ma anche con la responsabilità di chi rappresenta uno dei Paesi più forti e belli al mondo". (La Gazzetta dello Sport)

Ma altre squadre, come la Spagna, non hanno ricevuto alcuna dose in vista di EURO 2020. Alcune Nazionali di EURO 2020 non hanno ricevuto i vaccini: Enrico Castellacci duro contro l’UEFA. (CalcioToday.it)

EURO 2020, polemica sui vaccini: duro attacco alla UEFA

Il ballerino avezzanese Ayoub Haraka sarà tra i protagonisti della cerimonia di apertura di Euro 2020 che si terrà prima del fischio di inizio della partita inaugurale tra Italia e Turchia. I complimenti della redazione e un grande in bocca al lupo per il futuro! (MarsicaLive)

Spero di dormire, magari spero di non dormire il 9-10 luglio”. (LaPresse) – “L’emozione prima della gara di domani notte inizia ad essere molta, non ci si può non emozionare. (LaPresse)

Noi giochiamo tranquilli". Tocca subito a noi, all'Italia del Mancio: di fronte, lo scoglio probabilmente più duro del girone, la Turchia del ct Senol Gunes ma soprattutto di Calhanoglu, Yazici e Yilmaz. (Yahoo Eurosport IT)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr