La morte di Dag Hammarskjöld: un crimine che deve restare sepolto nella storia

La morte di Dag Hammarskjöld: un crimine che deve restare sepolto nella storia
La Voce di New York ESTERI

A 60 anni dalla tragedia, la fine di Hammarskjöld è ancora una verità incompleta.

Il 24 marzo 1960 il segretario generale delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld tiene una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite (Foto delle Nazioni Unite). Era la notte tra il 17 e il 18 settembre 1961, quando l’aereo DC-6, sul quale viaggiava Dag Hammarskjöld, Segretario generale delle Nazioni Unite, si schiantò a terra a pochi chilometri dall’aeroporto di Ndola, nel territorio che ora appartiene all’attuale Zambia (La Voce di New York)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres è a favore di un "dialogo" continuo con i talebani in Afghanistan; anche per evitare un "crollo economico" del Paese, "dove milioni e milioni rischiano di morire di fame". (tvsvizzera.it)

"Ci sono garanzie" per la comunità internazionale in termini di protezione dei diritti delle donne e delle ragazze? "Il nostro dovere è di estendere la nostra solidarietà a un popolo che soffre molto, dove milioni e milioni rischiano di morire di fame", ha insistito il capo delle Nazioni Unite. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Da parte loro, “i talebani vogliono essere riconosciuti; vogliono che le sanzioni siano abolite; vogliono il sostegno finanziario. Dialogare con i Talebani e accordare strumenti finanziari. Secondo Guterres è possibile accordare a Kabul “strumenti finanziari”, a prescindere dalle sanzioni in atto, “per permettere una boccata d’aria all’economia. (Imola Oggi)

Afghanistan: Guterres, mantenere dialogo con i talebani

Il 24 marzo 1960 il segretario generale delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld tiene una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite (Foto delle Nazioni Unite). Nominato Segretario generale nel 1953, a soli 47 anni, è stato il più giovane a ricoprire questo ruolo (La Voce di New York)

La startup mira a stabilire una rete globale di coltivazioni di alghe e, insieme a partner locali, ha stanziato siti in Tunisia (100 ettari), Mozambico (80 ettari), Bretagna (350 ettari), Maine (40 ettari), British Columbia (412 ettari). (pesceinrete.com)

Keystone. Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, si dice a favore di un «dialogo» continuo con i talebani in Afghanistan, temendo un impatto anche nel Sahel dello scenario verificatosi quest'estate in questo Paese. (Bluewin)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr